OpenstarTs >
Ricerca >
Tesi di dottorato >
Scienze biologiche >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/2533

Title: MAPPING OF GMO BIOSAFETY RESEARCH WITH THE USE OF DATA-MINING TECHNIQUES
Authors: LEWANDOWSKI, REMIGIUSZ JAN
Supervisor/Tutor: FEOLI, ENRICO
Co-supervisor: RIPANDELLI, DECIO
GANIS, PAOLA
Issue Date: 12-Jun-2007
Abstract: The degradation of the environment has become a subject of public concern and awareness during the past decades, and has been exacerbated in the public’s mind by the deliberate release into the environment of Genetic Modified Organisms (GMOs) for commercial purposes. Particularly in Europe, it has provoked broad public discussion and demands for scientific safety assurance and clear legislation rules. Based on this, the new scientific domain of “biosafety” has appeared. Biosafety is strongly influenced by large amounts of data, both scientific and non-scientific, including from molecular biology, plant pathology, agronomy, government policy, legislation, sociology and socio-economic issues. The perceived negative aspects derived from the development of modern biotechnology and its application in agriculture has increased scepticism and fears among consumers and public authorities. In Europe, the environmental release of GMOs has become a symbol of controversy and public resistance. For instance, Non-Governmental Organisation (NGO) activists regularly conduct protest actions, such as blocking or even destroying experimental field trials of GM plants. Additionally, the governments of several countries have announced national bans on GM products that have already been approved elsewhere, or even by departments within their own government. In order to elucidate why these views and actions may have come about, and to better understand the various interactions, correlations and influences in the biosafety domain, it was proposed to assess and exploit reliable resources related to the biosafety of GMOs found on the Internet, and to analyse them with the aid of advanced statistical techniques (data-mining). In this thesis, important online databases relevant to GM plants have be identified and described in order to highlight the current situation with regards to biosafety knowledge. The results demonstrate that a large number of biosafety online resources are mostly dedicated to policy-makers, regulators, and academics, rather than being in a format easily accessible to the population at large. To investigate the extent of biosafety knowledge further, it was decided to analyse biosafety research output with the use data-mining techniques. This pioneering investigation employed a scientometric study of peer-reviewed scientific publications selected and stored in the online Biosafety Bibliographic Database (BBD) maintained on the International Centre for Genetic Engineering and Biotechnology (ICGEB) webpages. The study identified substantial regional biases in country-driven approaches towards GMOs between the USA, the EU and China. The EU is associated with biosafety, human health, food safety and consumer protection, where the USA and China are more concentrated on transgenic plants technology development and application. The results of keyword association analyses emphasised particular biosafety concerns related to specific GM plants. Our results suggest that biosafety research is strongly correlated with public opinion, public attitudes, government policy and law.
Nell’ultimo decennio il degrado ambientale è diventato oggetto di crescente preoccupazione nell’opinione pubblica e l’uso degli organismi geneticamente modificati (OGM) è considerato dal grande pubblico come una ulteriore fonte di degrado. Particolarmente in Europa la commercializzazione degli OGM è alla base di un contenzioso che ha portato a chiedere a gran voce rassicurazioni, in particolare scientifiche, sull’innocuità di tali organismi ed una legge che ne regoli la diffusione nell’ambiente. Come conseguenza di questa posizione del grande pubblico è nata una nuova disciplina scientifica che chiamiamo “biosafety” (biosicurezza nel campo degli OGM). Questa si basa su una grande quantità di dati e sull’integrazione di differenti discipline: biologia molecolare, patologia vegetale, agronomia, politiche ambientali e di sviluppo, legislazione, sociologia e socio-economica. La percezione negativa che deriva dallo sviluppo della biotecnologia e dalla sua applicazione in agricoltura ha incrementato lo scetticismo e le paure tra i consumatori e le pubbliche autorità tanto che in Europa la diffusione degli OGM nell’ambiente è diventato un simbolo di avversione verso la scienza e un motivo di pubblica resistenza. Ad esempio le organizzazioni non governative (NGO) promuovono con insistente regolarità attività di protesta distruggendo campi sperimentali di OGM e devastando laboratori di ricerca. I governi di molti paesi hanno messo al bando molti prodotti OGM anche se approvati altrove. Per capire l’evoluzione della ricerca sugli OGM e la posizione della “biosafety” questa tesi si è proposta di effettuare una analisi delle ricerche sulla biosafety presenti in internet mediante tecniche statistiche e di “data-mining”. In particolare la tesi si occupa delle piante geneticamente modificate usate in agricoltura. La tesi identifica le più importanti banche dati in linea che raccolgono informazioni sulle piante geneticamente modificate. Quindi le interroga per capire la situazione corrente delle conoscenze sulla “biosafety” ad esse relative. I risultati dimostrano che la gran parte delle informazioni in linea sono dedicate ai politici, a coloro che stabiliscono regole e agli accademici piuttosto che essere accessibili al grande pubblico. Le tecniche di “data-mining” sono state applicate in modo originale alle banche dati contenenti pubblicazioni scientifiche soggette a revisione (peer-reviewed articles). Lo studio “scientometrico” applicato, basato su tecniche di analisi multivariata alla co-occorrenza di parole chiave negli articoli scientifici, ha messo in evidenza che gli studi sono fortemente condizionati dalle politiche dei governi influenzate dalle opinioni pubbliche, differenze notevoli sono state trovate infatti tra gli studi effettuati in Europa, USA e Cina. Gli studi Europei sono più legati alla salute pubblica e alla protezione dei consumatori, mentre, in misura diversa, ma sia negli USA che in Cina c’è maggior enfasi sull’aspetto tecnologico e applicativo per l’incremento della produzione. Dai nostri risultati si evince che la ricerca nel campo della “biosafety” è strettamente correlata all'opinione pubblica, al comportamento del pubblico, alla politica del governo e alla legislazione.
PhD programme: METODOL.BIOMONITOR.ALTERAZIONE AMBIENTALE
Description: 2005/2006
Keywords: OGM
GMO
biosafety
data mining
Main language of document: en
Type: Tesi di dottorato
NBN: urn:nbn:it:units-3942
Appears in Collections:Scienze biologiche

Files in This Item:

File Description SizeFormat
Thesis_Remi_Lewandowski.pdf1.83 MBAdobe PDFView/Open
View Statistics

Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.