OpenstarTs >
Ricerca >
Tesi di dottorato >
Scienze chimiche >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/2614

Title: Functionalization and application of carbon nanohorns and carbon onions.
Other Titles: funzionalizzazione ed applicazione di carbon nanohorns e carbon onions
Authors: Cioffi, Carla Tiziana
Supervisor/Tutor: Prato, Maurizio
Issue Date: 10-Apr-2008
Publisher: Università degli studi di Trieste
Abstract: “Funzionalizzazione ed applicazione di carbon nanohorns e di carbon onions” Dalla scoperta della microscopia a scansione a sonda (SPM) nel 1980 a quella del fullerene, molti sono stati i premi Nobel nel campo delle Nanotecnologie. Diverse compagnie, attualmente, hanno investito fondi in questo settore. Ma cosa sono le Nanotecnologie? La parola e’utilizzata per descrivere diversi tipi di ricerca dove le dimensioni caratteristiche sono dell’ordine dei nanometri. I principali approcci impiegati nell’assemblaggio del materiale sono: “top-down” (dal più grande al più piccolo) e “bottom-up” (dal più piccolo al più grande). Il primo consiste nel ridurre le dimensioni della struttura fino alla nanoscala. Il secondo, proposto per la prima volta nel 1959 da Richard Feyman nel congresso dell’American Physical Society, consiste nel partire da strutture nanometriche per realizzare dei sistemi più grandi attraverso assembly o selfassembly. Attualmente, i principali strumenti, per caratterizzare e manipolare nano strutture, sono SEM (Microscopia a Scansione Elettronica) TEM (Microscopia a Trasmissione Elettronica), AFM (Atomic Force Microscopy) e STM (Microscopia a corrente di Tunnelling). Nanotubi, fullerene e recentemente carbon nanohorns (CNHs) e carbon onions (multishell fullerene, CNOs) sono considerati buoni candidati per applicazioni in differenti settori delle nanotecnologie. CNOs e CNHs sono due nuove forme allotropiche di carbonio, scoperte rispettivamente da Ugarte nel 1992 e da Iijima nel 1999, che hanno attratto l’attenzione di molti ricercatori. Negli ultimi tre anni, diversi studi sono stati riportati sui CNHs mentre i CNOs sono ancora largamente inesplorati. I pristine carbon nanohorns (p-CNHs) e CNOs (p-CNOs) non sono solubili nei comuni solventi organici ma, per studiare le loro potenziali applicazioni nel campo delle scienze dei materiali, è necessario migliorarne la solubilità. Il primo aspetto, preso in considerazione in questa tesi di dottorato, riguarda la funzionalizzazione e la caratterizzazione dei CNHs. A tale proposito, è stato sintetizzato un amminoacido impiegato nella reazione di ciclo addizione 1,3-dipolare. Reazioni di amidazione e di addizione nucleofila, inoltre, hanno portato alla sintesi dei due primi sistemi in cui CNHs fungono da elettron accettori e la porfirina da elettron donatori al fine di studiare il trasferimento elettronico tra la porfirina ed CNHs. Successivamente, sia i CNOs di 5 nm (N-CNOs) che di 20 nm di diametro (A-CNOs) sono stati presi in considerazione e paragonati. Dato che gli N-CNOs risultano più reattivi, sono stati utilizzati nella sintesi di nuovi sistemi in cui CNOs fungono da elettron accettori ed il ferrocene da elettron attrattore. Per la prima volta, sono state eseguite delle misure di fotofisica e di elettrochimica del derivato ottenuto. La tesi è divisa in 4 capitoli. Il primo riguarda una descrizione panoramica delle diverse forme allotropiche del carbonio, in paricolare nanotubi e fullereni. Tecniche come arco elettrico, ablazione con laser di grafite e la deposizione mediante vapore chimico sono descritte brevemente. Quindi tre diversi approcci per funzionalizzare le nanoparticelle di carbonio sono riportati in dettaglio. Nel secondo capitolo sono stati introdotti i CNHs, le loro proprietà ed applicazioni ed un confronto tra i nanotubi e CNHs. Infine tre differenti studi sono stati affrontati: · Funzonalizzazione mediante cicloaddizione 1,3-dipolare per migliorare la solubilità dei CNHs; · Funzionalizzazione dei CNHs attraverso addizione nucleofila e reazione con la porfirina; · Funzionalizzazione dei CNHs mediante amidazione e reazione con la porfirina. Il trasferimento elettronico tra porfirina e CNHs è stato discusso. Nel terzo capitolo sono stati introdotti e confrontate le proprietà dei diversi tipi di CNOs. Successivamente e’ stato descritto uno studio relativo alla: · Funzionalizzazione mediante cicloaddizione 1,3 dipolare e reazione con l’acido carbossilico del ferrocene. L’nterazione elettronica tra il ferrocene ed i CNOs è stata studiata. Tutti i dettagli sperimentali sono descritti nel quarto capitolo.
“Functionalization and application of carbon nanohorns and carbon onions” Since the discovery of scanning probe microscope (SPM) in 1980 to that of fullerene, several Nobel Prizes have been awarded in Nanotechnology. Many companies are also currently working in this field such as IBM and Samsung. Government and corporations worldwide have invested over $ 4 billion into nanotechnology in the last year alone. What is exactly Nanotechnology? The word “Nanotechnology” is used to describe different types of research where the characteristic dimensions are in a nanometer range. Two main approaches are used to assemble materials at the nanoscale: “top-down” (from larger to smaller) and “bottom-up” (from smaller to larger). The first one consists in reducing the dimension of the structures until nano levels. The second one was proposed for the first time in 1959 by Richard Feyman in the annual congress of American Physical Society. It consists in using nanometric structure, such as a molecule, and to create a mechanism larger through a process of assembly or self-assembly. To characterize and manipulate nanostructures, sophisticated techniques are required. Presently the main instruments are SEM (Scanning Electron Microscopy), TEM (Transmission Electron Microscopy), AFM (Atomic Force Microscopy), STM (Scanning Tunnelling Microscopy). Carbon nanoparticles such as carbon nanotubes (CNTs), fullerenes and recently carbon nanohorns and carbon onions, are considered good candidates in different nanotechnological applications. Carbon onions (multishell fullerene, CNOs) and carbon nanohorns (CNHs) are new allotropes of carbon. Discovered respectively by Ugarte in 1992 and by Iijima in 1999, these carbon nanoparticles start to attract the attention of many researchers. In the last three years, several studies have been reported about CNHs while CNOs are still largely unexplored. Pristine carbon nanohorns (p-CNHs) and CNOs are not soluble in common solvents. In order to study their potential applications in the field of material science, improving their solubility was necessary. First I focused my attention on the functionalization and characterization of CNHs. An aminoacid was synthesized and used in 1,3-dipolar cycloaddition reaction. This functionalization leads to an increase of the solubility of CNHs in various organic solvents. Using other reactions, such as amidation or nucleophilic additions, two assemblies, in which CNHs are electron acceptors and porphyrins the electron donors, were synthesized and the electron transfer between the porphyrins and the CNH core was studied. Then, CNOs either of 5 nm or 20 nm of diameter were synthesized, respectively by annealing of nanodiamonds and by arc discharge. These two samples of CNOs present different properties and reactivity. As CNOs produced by annealing of nanodiamonds are more reactive, they were used to synthesize a new assembly, in which CNOs are the electron acceptors and ferrocene the electron donors. For the first time, electrochemical and photophysical measurements of CNOs were performed. The thesis is divided in four chapters. The first one provides an overview of carbon allotropes, in particular CNTs and fullerenes. Different techniques as arc discharge, laser ablation and chemical vapour deposition are briefly described. Finally three general approaches to functionalize carbon nanoparticles are reported in detail. In the second chapter CNHs are introduced. The properties and the applications are shown. A comparison between CNTs and CNHs is also given. Then three different studies are presented: · Functionalization by 1,3-dipolar cycloaddition to improve the solubility of CNHs; · Functionalization by nucleophilic addition and coupling with porphyrin; · Functionalization by amidation and coupling with porphyrin. The electron transfer between the porphyrin and CNH core is discussed. In the third chapter CNOs are introduced. Two different type of CNOs are described and compared in order to choose the more reactive nanoparticles. Then a study is reported: · Functionalization by 1,3 dipolar cycloaddition and coupling with ferrocene carboxylic acid. The interaction between the ferrocene moiety and the CNOs is discussed. All the experimental details are given in the fourth chapter.
PhD cycle: XX Ciclo
PhD programme: NANOTECNOLOGIE
Description: 2006/2007
Keywords: nanostrutture di carbonio
Main language of document: en
Type: Tesi di dottorato
Scientific-educational field: CHIM/08 chimica farmaceutica
NBN: urn:nbn:it:units-7229
Appears in Collections:Scienze chimiche

Files in This Item:

File Description SizeFormat
tesi versione finale Carla Tiziana Cioffi.pdfthesis12.37 MBAdobe PDFView/Open
riassunto in inglese di Carla Tiziana Cioffi.pdfabstract in english63.6 kBAdobe PDFView/Open
riassunto in italiano di Carla Tiziana Cioffi.pdfabstract in italian58.71 kBAdobe PDFView/Open
View Statistics

Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.