OpenstarTs >
Ricerca >
Tesi di dottorato >
Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/3126

Title: Il culto di Ercole lungo la Via Salaria
Authors: Tripaldi, Luca
Supervisor/Tutor: Fontana, Federica
Fontana, Federica
Co-supervisor: Bandelli, Gino
Issue Date: 20-Apr-2009
Publisher: Università degli studi di Trieste
Abstract: Nella presente tesi di dottorato è stato affrontato lo studio del culto di Ercole lungo la via Salaria, una delle più antiche vie romane, utilizzata per il trasporto del sale da Roma in Sabina. La via, dipartendosi dal Foro Boario, sede dell’ancestrale luogo di culto erculeo dell’Ara Massima, raggiungeva la costa adriatica dopo aver attraversato la Sabina, il Piceno e il territorio pretuzio. Nel corso del lavoro sono state quindi raccolte e analizzate tutte le testimonianze archeologiche ed epigrafiche della devozione ad Ercole provenienti dai centri e dai territori toccati dalla direttrice viaria. Un capitolo è stato inoltre dedicato all’approfondimento del culto di Ercole all’Ara Massima, vista la sua posizione nel Foro Boario, punto di partenza della via Salaria. Nonostante non sia stato possibile individuare tracce evidenti del rapporto tra culto del dio e commercio e distribuzione del sale lungo il percorso della Salaria, va comunque ricordato il rinvenimento di un bronzetto raffigurante Ercole presso Tortoreto, nell’area della chiesa di S. Angelo in Salino, edificio che, come sembra deducibile dal toponimo, doveva sorgere in prossimità di giacimenti salini. Il presente lavoro ha poi permesso di accertare come, lungo la via, il culto del dio clavigero sia attestato principalmente nei territori di Rieti e di Amiternum (L’Aquila) e nell’ager Praetuttianus (odierno Teramano), più precisamente lungo il ramo della Salaria che, staccandosi da Antrodoco, raggiungeva la conca aquilana e il Teramano. Le testimonianze archeologiche ed epigrafiche del culto provengono in gran parte da aree extraurbane; pochi sono i casi di documenti rinvenuti nei centri urbani. In particolare, i santuari, dedicati ad Ercole o nei quali è documentata la presenza del dio, ed i templi erculei sorgono quasi esclusivamente in contesti rurali, lungo il tracciato principale della Salaria oppure lungo i suoi diverticoli. Un altro dato di particolare interesse che si è potuto ricavare dalla documentazione analizzata è stato quello del rapporto topografico tra templi di Ercole e insediamenti vicani: laddove è stato possibile accertare la presenza di un’aedes dedicata al dio, questa sorgeva all’interno o in prossimità di un vicus. Da un’analisi approfondita dei dati raccolti è emersa infine la coerenza cronologica delle attestazioni del culto, in gran parte databili in epoca repubblicana, che sembra mostrare come il culto del dio abbia vissuto il suo momento di massima diffusione proprio in questa fase.
PhD cycle: XXI Ciclo
PhD programme: SCIENZE DELL'ANTICHITA'
Description: 2007/2008
Keywords: Ercole
Salaria
Main language of document: it
Type: Tesi di dottorato
Doctoral Thesis
Scientific-educational field: L-ANT/07 ARCHEOLOGIA CLASSICA
NBN: urn:nbn:it:units-7441
Appears in Collections:Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche

Files in This Item:

File Description SizeFormat
carta_I,_La_via_Salaria.pdfCarta204.76 kBAdobe PDFView/Open
carta_II,_Le_attestazioni_del_culto_di_Ercole.pdfCarta670.1 kBAdobe PDFView/Open
carta_III,_Bronzetti,_iscrizioni_etc.pdfCarta217.97 kBAdobe PDFView/Open
carta_IV,_Iscrizioni.pdfCarta368.75 kBAdobe PDFView/Open
carta_V,_Santuari_e_Templi.pdfCarta209.63 kBAdobe PDFView/Open
Tesi dottorato.pdf.pdfTesi di dottorato70.26 MBAdobe PDFView/Open
Frontespizio.pdfFrontespizio262.76 kBAdobe PDFView/Open
View Statistics

Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.