OpenstarTs >
Ricerca >
Tesi di dottorato >
Scienze economiche e statistiche >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/3670

Title: Reputazione e rischio reputazionale in economia.Un' analisi epistemologica ed una proposta teorica
Authors: Schettini Gherardini, Jacopo Maria
Supervisor/Tutor: Fanni, Maurizio
Fanni, Maurizio
Issue Date: 12-Apr-2010
Publisher: Università degli studi di Trieste
Abstract: Il presente lavoro è un contributo di natura epistemologica. L’obiettivo è duplice. Da un lato osservare la reputazione come una manifestazione di fiducia e concorrere a ridurre ambiguità e vaghezza nel concetto distinguendone gli ambiti indagabili scientificamente da quelli di derivazione metafisica, quindi classificabili tra le affermazioni etiche, ideologiche o di fede. Secondariamente, approdare ad un modello teorico descrittivo che soddisfi la condizione popperiana di falsificabilità. La tesi che s’intende dimostrare, è che, indagando la nozione di reputazione grazie ad alcuni spunti teorici riconducibili al pensiero di Bertrand Russell ed attraverso lo schema classificatorio che Bruno de Finetti applicò alla probabilità, la “buona” reputazione, intesa nella sua modalità “classica” (ovvero come il rispetto di dettami etico–morali) sia priva di valore intrinseco per un’impresa, poiché risponde a delle esigenze di coerenza con impianti astratti privi di legami con la fenomenologia economica. Conseguentemente, la sua presenza o la sua assenza non comportano elementi di pericolo di per sé, ovvero a prescindere dagli obbiettivi aziendali. Quindi, non più “buona” o “cattiva” reputazione, bensì reputazione “adeguata” (o meno) allo scopo, utilmente utilizzabile sia in forma negativa che positiva. Questa proposta teorica, se accettata, aprirebbe spunti di ricerca circa il diverso peso e diverso impatto della reputazione, a secondo che essa si fondi o meno su elementi metafisici. Secondariamente, si ritiene possibile individuare un pericolo, la cui natura sia esclusivamente reputazionale, a cui associare un rischio reputazionale puro, di primo livello, privo di correlazioni con altri rischi (operativi, legali, strategici). Tesi che metterebbe in dubbio la centralità dell’ottica microeconomica nello studio del rischio reputazionale. Infine, si propone l’incompatibilità tra le nozioni di conoscenza, probabilità e reputazione. Impostazione che, se accettata, porrebbe domande sulla coerenza di alcune analisi in dottrina, le quali invece, fanno perno sul principio che sia la conoscenza a determinare la reputazione.
PhD cycle: XXII Ciclo
PhD programme: SCUOLA DI DOTTORATO DI RICERCA IN FINANZA
Description: 2008/2009
Keywords: reputazione
rischio reputazionale
teoria della reputazione,
Basilea 2
reputational risk
Bruno de Finetti
Main language of document: it
Type: Tesi di dottorato
Doctoral Thesis
Scientific-educational field: SECS-P/09 FINANZA AZIENDALE
NBN: urn:nbn:it:units-8896
Appears in Collections:Scienze economiche e statistiche

Files in This Item:

File Description SizeFormat
schettini-gherardini_phd.pdftesi di dottorato1.15 MBAdobe PDFView/Open
View Statistics

Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.