OpenstarTs >
EUT-Periodici >
Tigor. Rivista di scienze della comunicazione e di argomentazione giuridica >
Tigor. Rivista di scienze della comunicazione. A. II (2010), n. 2 (luglio-dicembre) >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/3902

Title: Dispotismo e “ragion di Stato” in Samuel Sorbière
Authors: Cappelletti, Franco Alberto
Keywords: Verità
Verosimiglianza
Libero Pensiero
Dispotismo
Autorità
Obbedienza
Ordine
Issue Date: 2010
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Series/Report no.: Tigor: rivista di scienze della comunicazione A. II (2010) n.2 (luglio-dicembre);
Abstract: Il concetto di Verità elaborato dalla filosofia classica, e vivificato dall’apporto cristiano, vacilla vistosamente tra il XVI e il XVII secolo. Al suo posto subentra quello di verosimiglianza - proposto dallo scetticismo di Pirrone al tramonto della polis greca - rivalutato nel XVI secolo da Montaigne e Charron ed elevato poi a fondamento di un sapere all’altezza dei tempi dai sempre più numerosi seguaci del “libero pensiero”. La verità è ricerca senza una meta prestabilita, una “queste” infinita guidata esclusivamente dal riferimento alla ragione e all’esperienza e alla comunicazione. Questa ansia innovatrice non lascia indifferente Sorbière che si allontana dal calvinismo per interrogarsi sui rapporti tra libertà umana e prescienza divina e fa suo il motto di Orazio “sapere aude” invocato dall’amico e maestro Gassendi. In una rivendicazione piena della libertà di pensare, di cercare e comunicare le verità possibili al di fuori dei limiti imposti da qualsiasi Chiesa, dogma o ragion di Stato.
URI: http://hdl.handle.net/10077/3902
ISSN: 2035584x
Appears in Collections:Tigor. Rivista di scienze della comunicazione. A. II (2010), n. 2 (luglio-dicembre)

Files in This Item:

File Description SizeFormat
cappelletti.pdf109.94 kBAdobe PDFView/Open
View Statistics

Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.