OpenstarTs >
EUT-Libri >
Collane >
Polymnia: Collana di Scienze dell'Antichità. Studi di Filologia classica >
13. Il calamo della memoria. Riuso di testi e mestiere letterario nella tarda antichità. IV >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/4402

Title: 'Beatus ille...' Osservazioni sul carme 7 di Paolino di Nola
Authors: Smolak, Kurt
Issue Date: 2011
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Citation: Kurt Smolak, "'Beatus ille...' Osservazioni sul carme 7 di Paolino di Nola", in Lucio Cristante e Simona Ravalico (a cura di): “Il calamo della memoria. Riuso di testi e mestiere letterario nella tarda antichità. IV”, Trieste, EUT Edizioni Università di Trieste, 2011, pp. 195-206.
Series/Report no.: Polymnia : studi di filologia classica
13
Abstract: Lo scopo di questo saggio è provare che Paolino di Nola, nel verso iniziale della sua parafrasi del primo Salmo, non solo adopera le parole introduttive del secondo epodo di Orazio, bensì oppone l’intero carme a quello del Venosino. Poiché mentre l’usuraio oraziano inganna se stesso, quando si figura una vita da ricco contadino tranquilla, il veramente beato, secondo Paolino, è soltanto colui, la cui condotta di vita è moralmente irreprensibile ai sensi del Salmo, sicché non occorre che egli tema il giudizio di Dio. Nel corso delle dettagliate riflessioni su quel giudizio sulla scia di S. Ambrogio i versi 30s. non contribuiscono nulla allo sviluppo dei pensieri logico e perciò sembrano superflui. Per questa ragione si propone di cancellarli.
It is the aim of this essay to prove that in his paraphrase of psalm 1 Paulinus of Nola not only borrows the introductory words from the beginning of Horace’s second epode, but that the entire paraphrase is to be taken as forming a contrast to the poem of the Roman classical author. For Horace’s usurer deludes himself with his dream of a blissful life as a rich farmer, whereas Paulinus presents to the reader the psalm’s morally upright and consequently truely happy man, who need not be afraid of the divine judgement. Within the extensive reflexions upon that judgement, which can be traced back to St. Ambrose, the verses 30f. do hardly fit in with the train of thought and seem superfluous. That is why they should be deleted.
URI: http://hdl.handle.net/10077/4402
ISBN: 978-88-8303-319-3
Appears in Collections:13. Il calamo della memoria. Riuso di testi e mestiere letterario nella tarda antichità. IV

Files in This Item:

File Description SizeFormat
Smolak_Calamo.pdf350.26 kBAdobe PDFView/Open
View Statistics

Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.