OpenstarTs >
EUT-Libri >
Collane >
Polymnia: Collana di Scienze dell'Antichità. Studi di Filologia classica >
13. Il calamo della memoria. Riuso di testi e mestiere letterario nella tarda antichità. IV >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/4403

Title: Vita dei principi e Storia Romana, tra Simmaco e Giordane
Authors: Mastandrea, Paolo
Issue Date: 2011
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Citation: Paolo Mastandrea, "Vita dei principi e Storia Romana, tra Simmaco e Giordane", in Lucio Cristante e Simona Ravalico (a cura di): “Il calamo della memoria. Riuso di testi e mestiere letterario nella tarda antichità. IV”, Trieste, EUT Edizioni Università di Trieste, 2011, pp. 207-245.
Series/Report no.: Polymnia : studi di filologia classica
13
Abstract: Giordane, autore dei 'Getica', attesta l’esistenza di una 'Storia Romana' composta da Simmaco il Giovane – exconsole e portavoce del senato, suocero di Boezio, morto nell’anno 525; il cosiddetto 'Ordo generis Cassiodororum' aggiunge che essa constava di 7 libri. Dall’estesa citazione di Get. 15,83-88 (quasi 40 righe a stampa nell’edizione di Mommsen, MGH), si vede che all’altezza del quinto il testo di Simmaco riproduceva con poche modifiche i capitoli d’apertura della 'Vita di Massimino il Trace', attribuita a Giulio Capitolino all’interno della nota raccolta tardoantica di biografie imperiali. Questo saggio verifica la possibilità che la misteriosa, altrimenti perduta 'Historia Romana', e l’altrettanto enigmatica raccolta che nei codici s’intitola 'Vitae diuersorum principum et tyrannorum', un tempo pure suddivisa in 7 libri, fossero la stessa opera: in tal caso Simmaco jr sarebbe stato, se non l’unico autore, uno almeno dei revisori ultimi dell’attuale 'Historia Augusta'.
Jordanes, the historian of the Goths, attests that the nobleman Symmachus jr – a former consul, caput senatus and Boethius’ father-in-law, dead A.D. 525 – wrote one Roman History; - XIV - the so called 'Ordo generis Cassiodororum' adds that it consisted of seven books. From the long quotation from Iord. Get. 15,83-88 (nearly 40 lines in MGH edition) we can learn that in the fifth book Symmachus reproduced with a few changes the beginning chapters of Iulius Capitolinus’ 'Vita Maximini' – whose text belongs to the well-known late latin collection of emperors’ biographies. This paper verifies the possibility that the mysterious, presumed missing 'Historia Romana', and the likewise enigmatic 'Vitae diuersorum principum et tyrannorum', previously divided into seven books, were the same work: in that case Symmachus jr could have been, if not the sole author, at least one of the latest revisors of our 'Historia Augusta'.
URI: http://hdl.handle.net/10077/4403
ISBN: 978-88-8303-319-3
Appears in Collections:13. Il calamo della memoria. Riuso di testi e mestiere letterario nella tarda antichità. IV

Files in This Item:

File Description SizeFormat
Mastandrea_Calamo.pdf439.29 kBAdobe PDFView/Open
View Statistics

Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.