OpenstarTs >
EUT-Libri >
Monografie >
Frontiere invisibili? Storie di confine e storie di convivenza >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/4467

Title: Leggere una città. La storia di Trieste scritta negli spazi di vita e lavoro
Authors: Mellinato, Giulio
Keywords: FN VENEZIA GIULIA
Storiografia
Laboratorio di modernità
Strumento dell’imperialismo
Asburgo e Trieste
Issue Date: 2010
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Citation: Giulio Mellinato, “Leggere una città. La storia di Trieste scritta negli spazi di vita e lavoro”, in Anna Maria Vinci (a cura di), Frontiere invisibili? Storie di confine e storie di convivenza, pp. 74-98.
Abstract: Il presente scritto ha l’ambizione di ricostruire alcune tra le dinamiche vissute dalla comunità umana che si è evoluta assieme alla città di Trieste. Un caleidoscopio di immagini e di richiami ha attirato l’osservazione anche di storici stranieri, trasformando la storia di Trieste in un piccolo laboratorio di modernità e dei suoi aspetti più “sensibili”. Si tratta quasi di una versione più propriamente “storica” di quell’inquietudine letteraria sulla quale già da tempo si sono esercitati i critici, accendendo l’ispirazione di autori conosciuti proprio per aver rappresentato, utilizzando le immagini di Trieste, le fondamentali indicibilità della realtà contemporanea. L’autore riassume le tappe attraverso le quali la città ha progressivamente assunto la fisionomia attuale: la volontà degli Asburgo di farne uno strumento dell’imperialismo commerciale e marittimo austriaco; il ritardo relativo dei principali interventi imperiali; la relativa scarsità di competenze commerciali e marittime all’interno dell’Impero.
URI: http://hdl.handle.net/10077/4467
ISBN: 978-888-303-308-7
Appears in Collections:Frontiere invisibili? Storie di confine e storie di convivenza

Files in This Item:

File Description SizeFormat
leggere_una_città.pdf5.27 MBAdobe PDFView/Open
View Statistics

Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.