OpenstarTs >
EUT-Periodici >
Rendiconti dell’Istituto di matematica dell’Università di Trieste: an International Journal of Mathematics >
Rendiconti dell‘ Istituto di matematica dell‘ Università di Trieste: an International Journal of Mathematics vol.25 (1993) >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/4699

Title: Minimal spaces, maximal pre-antis
Authors: Matthews, P.T.
McMaster, T.B.M.
Issue Date: 1993
Publisher: Università degli Studi di Trieste. Dipartimento di Scienze Matematiche
Citation: P.T. Matthews, T.B.M. McMaster, “Minimal spaces, maximal pre-antis”, in: Rendiconti dell’Istituto di Matematica dell’Università di Trieste. An International Journal of Mathematics, 25 (1993), pp. 353-360.
Series/Report no.: Rendiconti dell’Istituto di Matematica dell’Università di Trieste. An International Journal of Mathematics
25 (1993)
Abstract: Cosa dovremmo intendere dicendo che uno spazio topologico è “minimale” in una famiglia di spazi? Ovviamente la risposta dipende dalla natura della famiglia di spazi e, criticamente, dalla relazione d’ordine considerata tra gli spazi in oggetto che, nei casi significativi non è un ordinamento parziale ma solo un quasi ordinamento. Identificheremo due modi per definire la minimalità degli oggetti in questo contesto; il primo è adottato da Ginsburg e Sands mentre l’altro è (apparentemente) più debole. Sia P un invariante topologico. Uno spazio si dirà ”anti-P” (in accordo con Bankston) quando i suoi soli P sottospazi sono quelli la cui cardinali là da sola garantisce che essi sono P. Quando anti-P è equivalente a Q diremo che P è un “pre-anti” per Q. Esamineremo le relazioni tra l’esistenza di vari pre-anti estremali per Q e l’esistenza, in particolari famiglie, di spazi che sono minimali in un senso opportuno.
What should we mean by saying that a topological space is “minimal" among a family of spaces? Obviously it depends on the nature of the family and, critically, on the ordering relation being considered between the spaces in question which, in important cases, is not a partial order but only a quasi-order. We identify two ways to assign minimality to objects in such a context; one is that adopted by Ginsburg and Sands, the second is (apparently) weaker. Let P denote a topological invariant. A space is called “anti-P" (following Bankston) when its only P subspaces are those whose cardinalities alone guarantee that they must be P. When anti-P is equivalent to Q then P is called a “pre-anti” for Q. We shall explore relationships between the existence of various extremal pre-antis for Q and the occurrence, within particular families, of spaces that are minimal in one sense or the other.
URI: http://hdl.handle.net/10077/4699
ISSN: 0049-4704
Appears in Collections:Rendiconti dell‘ Istituto di matematica dell‘ Università di Trieste: an International Journal of Mathematics vol.25 (1993)

Files in This Item:

File Description SizeFormat
MatthewsMcMasterMinimalSpacesRendMat25.pdf158.66 kBAdobe PDFView/Open
View Statistics

Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.