OpenstarTs >
EUT-Periodici >
Trasporti. Diritto, economia, politica >
Trasporti. Diritto, economia, politica n. 088 (2002) >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/5508

Title: Sviluppi della riforma del TPL in Italia
Authors: Burlando, Claudia
Keywords: trasporto pubblico locale
riforma del trasporto pubblico locale
affidamento servizi ferroviari di interesse regionale
Issue Date: 2002
Citation: Claudia Burlando, "Sviluppi della riforma del TPL in Italia", in: Trasporti. Diritto, economia, politica, 88 (2002), pp.33-70
Series/Report no.: Trasporti, diritto, economia, politica
Abstract: La domanda di TPL sta diventando sempre più domanda di un bene “residuale”, infatti l’obbiettivo della collettività urbana che vuole fruire dei beni e servizi della città è la mobilità, e questa è sempre più soddisfatta dall’uso di mezzi individuali a motivo della loro maggiore flessibilità, capillarità, comodità. In questo crescente uso del mezzo privato l’Italia non fa eccezione rispetto ai partner europei ed anzi si colloca, nel rapporto popolazione/autovetture, al secondo posto (dietro il Lussemburgo) con 1,89 auto per abitante. Il “quasi” primato non è privo di conseguenze tanto sull’ambiente quanto sui conti delle aziende di TPL. La situazione dei conti delle aziende di TPL è, dalla metà degli anni Novanta, in lieve miglioramento principalmente grazie ad interventi via via più restrittivi sulla circolazione privata. I dati di partenza, e principalmente i disavanzi del settore, sono tali da dare luogo ad un ottimismo moderato, sia pur sostenuto dal fatto che alle politiche per la mobilità si aggiunge, finalmente, una riforma del settore, nel senso della concorrenza per il mercato, che determina la necessità per le aziende di competere, senza più il diritto automatico ad operare i servizi. Un ulteriore importante elemento di cambiamento generato dal processo di riforma riguarda il trasporto su ferro. Infatti il d.lgs. 422/1997 (come modificato dal d.lgs. 400/1999) rende obbligatorie le gare anche per l’affidamento dei servizi ferroviari di interesse regionale e locale non in concessione a F.S. S.p.A., e prevede il passaggio di funzioni e compiti di programmazione e amministrazione alle Regioni.
URI: http://hdl.handle.net/10077/5508
ISSN: 0390-4520
Appears in Collections:Trasporti. Diritto, economia, politica n. 088 (2002)

Files in This Item:

File Description SizeFormat
C. BURLANDO_2002_N_88.pdf12.53 MBAdobe PDFView/Open
View Statistics

Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.