OpenstarTs >
EUT-Periodici >
Trasporti. Diritto, economia, politica >
Trasporti. Diritto, economia, politica n. 093 (2004) >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/5666

Title: La giurisprudenza inglese e la posizione di "common law" in tema di esaurimento del petrolio contrattuale nel "time charter"
Authors: Casciano, Daniele
Keywords: legittimate last voyage test
time charter
diritto marittimo
Issue Date: 2004
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Citation: Daniele Casciano, "La giurisprudenza inglese e la posizione di "common law" in tema di esaurimento del petrolio contrattuale nel "time charter"", in: Trasporti. Diritto, economia, politica, 93 (2004), pp. 111-129
Abstract: Quando il charterparity è fissato per un periodo dato piuttosto che per un viaggi specifico, e la remunerazione è commisurata al decorso del tempo anziché al servizio prestato, la preoccupazione principale del noleggiante risiede nel percepire tempestivamente, alle scadenze pattuite, il nolo concordato. Di converso, sotto tali condizioni, il fattore di maggior rilievo nella prospettiva del charterer è l’effettività dell’utilizzazione della nave, ovvero il compimento più alto del numero più ampio possibile di viaggi entro l’arco della durata del contratto. La tematica, eterogenea e di non semplice sistematizzazione, è stata oggetto di ampia ed evolutiva trattazione nell’ambito del diritto di common law.
URI: http://hdl.handle.net/10077/5666
ISSN: 0390-4520
Appears in Collections:Trasporti. Diritto, economia, politica n. 093 (2004)

Files in This Item:

File Description SizeFormat
CASCIANO_TRASPORTI_2004_93.pdf6.18 MBAdobe PDFView/Open
View Statistics

Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.