OpenstarTs >
EUT-Periodici >
Trasporti. Diritto, economia, politica >
Trasporti. Diritto, economia, politica n. 082 (2000) >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/5767

Title: Alcuni cenni sulle finalità delle politiche comunitarie in materia di trasporto. la questione dell'allargamento dell'Unione e della tutela ambientale
Authors: Cossutta, Marco
Keywords: tutela ambientale e attività di trasporto
trasporto e allargamento europeo
sicurezza trasporto marittimo
salvaguardia tutela e miglioramento dell’ambiente
Issue Date: 2000
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Citation: Marco Cossutta, "Alcuni cenni sulle finalità delle politiche comunitarie in materia di trasporto. la questione dell'allargamento dell'Unione e della tutela ambientale", in: Trasporti. Diritto, economia, politica, 82 (2000), pp. 137-145.
Abstract: La materia trasportistica assume rilevanza nelle fonti giuridiche primarie della Unione europea; infatti, come noto, a questa ultima sono dedicati gli artt. 74-84 del Titolo quarto (“I trasporti”) della parte Terza (“Politiche comunitarie”) del Trattato. La presenza all’interno del documento costitutivo l’Unione europea di un Titolo specificatamente dedicato ai trasporti è indicativa dell’importanza ch a questi viene ascritta nelle politiche comunitarie; soltanto il settore agricolo, in quanto settore primario, è espressamente menzionato il Trattato, il quale non richiama che genericamente altre attività economiche. La stessa tutela ambientale non è disgiunta nei più recenti documenti dell’Unione europea dalla politica dei trasporti; al contrario, si può affermare che la politica dei trasporti rappresenta uno degli strumenti cardine per una politica volta alla tutela dell’ambiente, ciò a maggior ragione dopo l’acquisizione formale da parte dell’Unione di specifiche competenze in materia ambientale, di cui il Titolo sedicesimo del Trattato. Risulta evidente come “grandi principi” e “diritti inviolabili” ritrovino la loro attuazione e garanzia giuridica per mezzo non tanto di dichiarazioni programmatiche, il cui destino è di rimanere lettera morta, quanto attraverso una formazione, come quella imposta dall’Unione europea che ricollega l’attività di trasporto alla tute3la del bene ambientale, capace nel concreto di stimolare comportamenti socialmente utili.
URI: http://hdl.handle.net/10077/5767
ISSN: 0390-4520
Appears in Collections:Trasporti. Diritto, economia, politica n. 082 (2000)

Files in This Item:

File Description SizeFormat
COSSUTTA_M_2000-82-5.pdf2.59 MBAdobe PDFView/Open
View Statistics

Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.