OpenstarTs >
EUT-Periodici >
Trasporti. Diritto, economia, politica >
Trasporti. Diritto, economia, politica n. 095 (2005) >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/5810

Title: Il rilancio della portualità adriatica nel contesto evolutivo dei traffici mediterranei
Authors: D'Amico, Federico
Keywords: il Porto di Trieste nello sviluppo del sistema portuale Alto Adriatico
sistema portuale Alto Adriatico
sviluppo dei traffici adriatici e tirrenici
Issue Date: 2005
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Citation: Federico D'Amico, "Il rilancio della portualità adriatica nel contesto evolutivo dei traffici mediterranei", in Trasporti. Diritto, economia, politica, 95 (2005), pp. 47-72
Abstract: In un quadro di mutamento, non senza attriti e difficoltà, dell’economia internazionale, i porti europei sono pienamente coinvolti nel processo di globalizzazione dei mercati e dei sistemi logistici correlati, creando non poche difficoltà ai manager delle imprese e degli stessi porti, sulle scelte da assumere per assicurare un vantaggio competitivo alla propria attività. I porti marittimi diventano così elementi fondamentali della distribuzione internazionale, modificando la loro funzione da puro centro di trasporto via mare ad un complesso di funzioni chiave all’interno del sistema logistico, chiamati a svolgere servizi efficienti a costi contenuti, come per esempio formalità doganali più snelle, potenti sistemi di informazione, condizioni del lavoro estremamente flessibili, ecc. Per avviare un percorso che possa riportare la posizione di Trieste baricentrica rispetto al suo interland naturale e su posizioni altrettanto riequilibrate sotto l’aspetto dei costi di connessione porto/mercato nel trasporto ferroviario, in sostanza, parallelamente ad eventuali iniziative tese a promuovere la costituzione di nuovi operatori logistici o imprese ferroviarie d’area, si rende innanzitutto indispensabile attivare precise azioni. Non esiste una formula universalmente valida per lo sviluppo e del Porto di Trieste e per il bacino Adriatico che lo contiene, ma sarà il mercato a dettare anno dopo anno, anzi, mese dopo mese, le regole. Dipenderà poi da armatori, terminalisti, autorità portuali, adattarsi e trovare le formule che soddisfino l’esigenza di servizio dei grandi carrier, senza ledere gli altri operatori e facendo della gestione logistica di aree regionali complesse un reale valore aggiunto.
URI: http://hdl.handle.net/10077/5810
ISSN: 0390-4520
Appears in Collections:Trasporti. Diritto, economia, politica n. 095 (2005)

Files in This Item:

File Description SizeFormat
D'AMICO_F_2005_95-2.pdf9.25 MBAdobe PDFView/Open
View Statistics

Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.