OpenstarTs >
EUT-Periodici >
Tigor. Rivista di scienze della comunicazione e di argomentazione giuridica >
Tigor. Rivista di scienze della comunicazione. A. III (2011), n. 2 (luglio-dicembre) >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/6033

Title: Evoluzione, stasi e regressione nei Dubliners di James Joyce
Authors: Calderaro, Michela A.
Keywords: James Joyce
Dubliners
Performance
Competenza
Dinamica trasformazionale
Issue Date: 2011
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Citation: Michela A. Calderaro, "Evoluzione, stasi e regressione nei Dubliners di James Joyce", in: Tigor: rivista di scienze della comunicazione, III (2011) 2, pp. 66-76
Series/Report no.: Tigor: rivista di scienze della comunicazione
III (2011) 2 (luglio-dicembre)
Abstract: Simbolo della necessità della fuga ma anche della sua impossibilità concreta e quindi di una ribellione solo pensata, i personaggi di Dubliners sono spesso stati definiti esclusivamente dalla loro staticità. Ma mentre appare senz’altro vero che è la paralisi di Dublino a costituire uno dei tratti dominanti, oltre che più evidenti, dell’ambientazione delle storie, una messa a fuoco più esclusiva della competenza dei personaggi - intesa come il volere, potere, sapere, essenziali affinché il personaggio possa attuare la sua performance, il suo/fare/ - rivela invece una rigorosa dinamica trasformazionale, almeno per quanto riguarda una metà dei racconti che si possono considerare quindi come un corpus omogeneo e di cui si propone qui un campione sottoponendolo ad analisi.
URI: http://hdl.handle.net/10077/6033
ISSN: 2035-584x
Appears in Collections:Tigor. Rivista di scienze della comunicazione. A. III (2011), n. 2 (luglio-dicembre)

Files in This Item:

File Description SizeFormat
tigor_VI_calderaro_11.pdf1.63 MBAdobe PDFView/Open
View Statistics

Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.