OpenstarTs >
EUT-Libri >
Atti di convegni >
Linee guida e casi di studio per la gestione dei siti della rete Natura 2000 in ambiente di transizione >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/6141

Title: Allevamento in concessione di molluschi bivalvi nella Laguna di Marano e Grado ai sensi del regolamento attuativo della L. R. n. 31/2005
Seashell farming in Marano and Grado lagoon according to L. R. n. 31/2005
Authors: Bizjak, Pietro
Issue Date: 2007
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Citation: Pietro Bizjak, "Allevamento in concessione di molluschi bivalvi nella Laguna di Marano e Grado ai sensi del regolamento attuativo della L. R. n. 31/2005", in: "Linee guida e casi di studio per la gestione dei siti della rete Natura 2000 in ambiente di transizione : atti del workshop tenutosi a Grado, Palazzo dei congressi, 7-8 giugno 2006", Trieste, EUT Edizioni Università di Trieste, 2007, pp. 132-137.
Abstract: La produzione di molluschi bivalvi ed in particolare della vongola verace ha trovato un ambiente favorevole nelle lagune e in piccola parte nelle coste dell’Alto Adriatico a partire dal delta del Po fino al golfo di Trieste. Le produzioni 17 annuali si aggirano sulle 50.000 ton. e l’Italia risulta essere il primo produttore europeo. L’allevamento di molluschi, iniziatosi nella laguna di Marano nella seconda metà degli anni 80 dopo un certo periodo di sperimentazione ha assunto sempre più importanza dal punto di vista economico, tanto da raggiungere in questi ultimi anni le produzioni derivanti dalla pesca in libero accesso. Considerata la necessità di contemperare le esigenze produttive con quelle di una gestione delle risorse alieutiche della laguna compatibile con le esigenze di conservazione e tutela dell’ambiente lagunare, la legge regionale 16 dicembre 2005, n. 31 indica che le Amministrazioni comunali competenti per territorio esplichino le funzioni amministrative di rilascio delle concessioni di superfici lagunari per l’allevamento di molluschi bivalvi attraverso bandi che si conformino agli indirizzi del regolamento attuativo della succitata LR 31/2005. Detto regolamento è stato approvato in via preliminare dalla Giunta regionale con deliberazione n. 3447/2005. Esso prevede che le modalità di rilascio delle concessioni siano tali da consentire una gestione delle risorse alieutiche compatibili con le esigenze di conservazione e tutela dell’ecosistema lagunare e delle altre tipologie di pesca. Tale indicazione dell’Amministrazione regionale si esplicita nella previsione che gli aggiudicatari delle concessioni siano soggetti alle vigenti disposizioni in materia di valutazione di incidenza ai sensi della LR 43/1990 nonché del DPR 357/1997. Le superfici da mettere a bando per il rilascio delle concessioni, secondo regolamento, saranno individuate ogni tre anni attenendosi , come detto, sia ad aspetti di tutela e conservazione dell’ambiente sia a considerazioni di natura sociale ed amministrativa (rispetto degli usi civici, eguaglianza e parità tra aventi diritto, ecc.).
Seashell production has found a favourable environment in the Northern Adriatic lagoons, moving from Po Delta to the gulf of Trieste. The annual production is around 50.000 tons, and Italy is the first European producer. Seashell farming has started in Marano lagoon in the second half of the Eighties, and after a first experimental period it has gained an increasing economic importance. Indeed, in the last years the production is comparable to that deriving from wild seashell collection. Both the production and the conservation requirements must however be considered. For this reason, the Regional Law 16 December 2005, n. 31 states that the Municipalities involved in the lagoon management must assign only a certain number of seashell farming concessions, following the rules indicated by LR 31/2005. The concessions must be released in order to allow a management of the resource that is compatible with the conservation needs of the lagoonal environment and with the presence of other fishing methods. According to the regulations, the areas that can be given in concession will be defined every three years taking into account both conservation needs and social and administration requirements.
URI: http://hdl.handle.net/10077/6141
ISBN: 978-88-8303-200-4
Appears in Collections:Linee guida e casi di studio per la gestione dei siti della rete Natura 2000 in ambiente di transizione

Files in This Item:

File Description SizeFormat
Bizjak_GestioneSitiReteNatura2000.pdf54.04 kBAdobe PDFView/Open
Bizjak_EN_GestioneSitiReteNatura2000.pdf34.56 kBAdobe PDFView/Open
View Statistics

Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.