OpenstarTs >
EUT-Periodici >
Trasporti. Diritto, economia, politica >
Trasporti. Diritto, economia, politica n. 080 (2000) >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/7192

Title: Norme positive internazionali e consuetudini internazionali marittime nella sistematica regolativa del porto franco di Trieste (inesistenza od inapplicabilità di norme di diritto sostanziale e processuale interno)
Authors: Querci, Francesco Alessandro
Keywords: ordinamento giuridico del Porto franco di Trieste
potestà territoriale dello Stato italiano in ordine al Porto franco di Trieste
Issue Date: 2000
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Citation: Francesco Alessandro Querci, "Norme positive internazionali e consuetudini internazionali marittime nella sistematica regolativa del porto franco di Trieste (inesistenza od inapplicabilità di norme di diritto sostanziale e processuale interno) ", in: Trasporti. Diritto, economia, politica, 80 (2000), pp. 21-41
Series/Report no.: Trasporti. Diritto, economia, politica
80 (2000)
Abstract: Non è affatto difficile mostrare come il riferirsi alle regole che costituiscono il c.d. ordinamento giuridico del Porto franco di Trieste possa anche individuare le parti di quella stessa disciplina generale dell’attività marittima, portuale, commerciale, industriale incentrata o incentrabile nello stesso. Ai fini di questo preliminare chiarimento, è sufficiente la rilevabilità positiva di un insieme di norme, extra legem (latae), così chiamate perché non traggono origine da atti o fatti legislativi statuali relativi a vari aspetti della multiforme realtà portuale. Il dato normativo che regola il Porto franco di Trieste è permeato, organato per intero da norme sostanzialmente e formalmente internazionali: il principio internazionale o meglio l’internazionalismo delle norme si rinviene sia per quanto attiene alla loro fonte, sia per quanto riguarda il loro contenuto, sia per quanto afferisce alle loro finalità. Nel diritto internazionale la sfera di potestà di ogni Stato è limitata per quanto attiene a quella spettante agli altri soggetti; nel diritto internazionale privato ciascuno Stato, immettendo nel proprio ordinamento anche leggi straniere, “nazionalizzando”, in un certo senso, le leggi straniere, regola tramite il proprio ordinamento, così composto, qualunque fatto, qualunque rapporto dovunque verificatosi. Con locuzione breve, il diritto internazionale privato attinge la “logicità” entro e non oltre il proprio sistema, solo ponendo questo nel suo complesso in totale contraddizione con il diritto internazionale (Quadri Rolando). Il sistema su cui si regge il Porto franco di Trieste ha come fonte quella del diritto internazionale pubblico, e segnatamente il più volte citato Trattato di Pace di Parigi del 1947: un trattato-accordo di pace, un vero e proprio trattato normativo,che è fonte di diritto oggettivo idoneo a creare norme nuove e doveri soggettivi, rapporti concreti tra contraenti. La potestà territoriale dello Stato italiano, in ordine al Porto franco di Trieste soffre ed incontra una eteronoma limitazione, in conseguenza delle norme positive di diritto internazionale pubblico, che hanno all’interno dello Stato efficacia in quanto sono intervenute norme interne e conformi alle prime, sancendo il principio della c.d. extraterritorialità (immunità territoriale) e quindi dell’internazionalismo, la cui operatività comporta l’esenzione e l’immunità dalla potestà territoriale dello Stato e dal suo sindacato giurisdizionale.
URI: http://hdl.handle.net/10077/7192
ISSN: 0390-4520
Appears in Collections:Trasporti. Diritto, economia, politica n. 080 (2000)

Files in This Item:

File Description SizeFormat
QuerciFA.pdf6.3 MBAdobe PDFView/Open
View Statistics

Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.