OpenstarTs >
Ricerca >
Tesi di dottorato >
Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/7386

Title: Al servizio degli Asburgo: carriere, famiglie e proprietà di nobili friulani in Austria tra Seicento e Settecento
Authors: Santon, Vania
Supervisor/Tutor: Trebbi, Giuseppe
Co-supervisor: Zannini, Andrea
Issue Date: 24-Apr-2012
Publisher: Università degli studi di Trieste
Abstract: Obbiettivo della tesi è la ricostruzione delle biografie di alcuni nobili friulani che fecero carriera presso le corti asburgiche tra Seicento e Settecento. Le riflessioni si sono concentrate in particolar modo su tre famiglie, ossia i Porcia di Sotto, i Colloredo-Mels discendenti da Bernardo e i Della Torre Valsassina. La ricerca si è basata sulla disamina di tre aspetti principali, utili a sondare quale fosse la capacità di adattamento aristocratica alla società di corte asburgica in età moderna. In primo luogo sono state studiate in maniera approfondita le carriere nobiliari, cercando di mettere a fuoco i percorsi professionali intrapresi, nonché le modalità con cui i nobili gestirono gli incarichi loro conferiti. Un secondo aspetto della ricerca ha riguardato l’analisi delle politiche sociali intessute dalla nobiltà, con particolare riguardo per le scelte matrimoniali, la rete di parentele e le opportunità da essa offerte, nonché l’attenzione eventualmente manifestata dal capofamiglia nei confronti dei propri congiunti allo scopo di mantenere sempre in auge l’onore del lignaggio. Il terzo argomento è stato infine indirizzato alla descrizione delle proprietà dislocate in territorio asburgico e all’abilità di tali famiglie nobili nell’amministrazione del patrimonio loro intestato. Il pilastro della tesi è costituito dalla ricerca sui Porcia, cui è stata dedicata la maggiore attenzione, mentre i casati Della Torre e Colloredo costituiscono un interessante metro di paragone. Dei Porcia sono state ricostruite le vite dei conti tra la seconda metà del Cinquecento fino alla metà del Settecento, con maggior interesse per le esperienze del primo principe Giovanni Ferdinando (1604-1664) di Giovanni Sforza Porcia e il quarto principe Annibale Alfonso Emanuele (morto nel 1738) di Ferdinando Guido Porcia. Accanto alle vicende purliliensi, il presente lavoro ha tentato di ricostruire anche i profili biografici dei conti Della Torre Valsassina, vissuti tra la seconda metà del Cinquecento e i primi quattro decenni del Settecento. Il contesto sociale torriano di partenza fu radicalmente diverso rispetto ai Porcia e anche ai conti Colloredo, poiché i signori di Duino erano già residenti in quella parte di Friuli sottoposta all’amministrazione asburgica. Nonostante fossero sudditi naturali del Sacro Romano Impero, la tesi intende dimostrare l’impegno assunto dai torriani nel tentativo di affermarsi nella società di corte asburgica. L’ultimo casato analizzato è quello dei Colloredo-Mels, con specifica attenzione alla linea di Bernardo. In questo caso le osservazioni si sono accese a partire dalla generazione di metà Seicento, ossia quando si compirono i primi tentativi nobiliari di farsi strada presso gli Asburgo. La tesi, composta di quattro capitoli, presenta anche un’appendice con alcuni dei più significativi documenti archivistici analizzati, nonché una bibliografia generale, gli stemmi e infine gli alberi genealogici delle famiglie nobili studiate.
PhD cycle: XXIV Ciclo
PhD programme: SCUOLA DI DOTTORATO DI RICERCA IN SCIENZE UMANISTICHE - indirizzo STORICO E STORICO ARTISTICO
Description: 2010/2011
Keywords: Asburgo, Corte, Nobiltà, Carriere, Porcia, Colloredo, Della Torre Valsassina, Settecento
Main language of document: it
Type: Tesi di dottorato
Doctoral Thesis
Scientific-educational field: M-STO/02 STORIA MODERNA
NBN: urn:nbn:it:units-9181
Appears in Collections:Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche

Files in This Item:

File Description SizeFormat
santon_phd.pdfTESI DOTTORATO2.18 MBAdobe PDFView/Open
View Statistics

Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.