OpenstarTs >
EUT-Libri >
Monografie >
Civiltà del mare e navigazioni interculturali: sponde d’Europa e l’ “isola” Trieste >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/8081

Title: Ma il mare bagna Trieste? La città “terraiola”
Authors: Westphal, Bertrand
Issue Date: 2012
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Citation: Bertrand Westphal, "Ma il mare bagna Trieste? La città “terraiola”", in: C. Ferrini, R. Gefter Wondrich, P. Quazzolo, A. Zoppellari (a cura di), "Civiltà del mare e navigazioni interculturali: sponde d’Europa e l’ “isola” Trieste", Trieste, EUT Edizioni Università di Trieste, 2012, pp. 200-209
Abstract: Le città di mare costituiscono dei limina che non sono delle frontiere ma delle aree di passaggio atte a concentrare energie molteplici. Trieste non fa del tutto eccezione, però presenta qualche particolarità. Anna Maria Ortese ha scritto che il mare non bagna Napoli, riferendosi ad alcuni quartieri poveri i cui abitanti non uscivano mai dai vicoli. Non sarebbe del tutto sbagliato pretendere che il mare non bagni neppure Trieste o, per lo meno, che si astenga dal bagnare gran parte della sua abbondante letteratura. Trieste è uno straordinario groviglio. È marittima, adriatica, sì, ma è per indole proprio terraiola come si suol dire dei tennisti che apprezzano la terra battuta. Terraiola perché la terra a Trieste ha un significato che forse il mare non ha. L’autentico terraiolo preferisce rimanere a fondo campo o addirittura dietro alla linea che ne segnala l’estremità. Non si avvicina alla rete e se lo fa sarà malvolentieri. Molti scrittori triestini non hanno provato una grande attrazione per la rete o, almeno, se non giocavano a tennis, per la rete dei pescatori.
URI: http://hdl.handle.net/10077/8081
ISBN: 978-88-8303-458-9
Appears in Collections:Civiltà del mare e navigazioni interculturali: sponde d’Europa e l’ “isola” Trieste

Files in This Item:

File Description SizeFormat
Westphal_Civilta_del_mare.pdf264.2 kBAdobe PDFView/Open
View Statistics

Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.