OpenstarTs >
EUT-Libri >
Monografie >
Civiltà del mare e navigazioni interculturali: sponde d’Europa e l’ “isola” Trieste >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/8082

Title: Abitare la distanza: l’isola Trieste
Authors: Rovatti, Pier Aldo
Issue Date: 2012
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Citation: Pier Aldo Rovatti, "Abitare la distanza: l’isola Trieste", in: C. Ferrini, R. Gefter Wondrich, P. Quazzolo, A. Zoppellari (a cura di), "Civiltà del mare e navigazioni interculturali: sponde d’Europa e l’ “isola” Trieste", Trieste, EUT Edizioni Università di Trieste, 2012, pp. 210-214
Abstract: In una riflessione insieme filosofica e autobiografica, viene approfondito il significato del vissuto di un abitante non nativo di Trieste, per cui la città è diventata la propria città. Trieste viene pensata come città terramare la cui anima è caratterizzata positivamente dall’oscillazione e dallo spaesamento. Sul filo delle categorie del pensiero contemporaneo, viene individuata una analogia profonda con la struttura, dinamica e in tensione, del “desiderio”, come già Calvino aveva fatto con la forma sdoppiata di Despina, città di confine tra il deserto e il mare.
URI: http://hdl.handle.net/10077/8082
ISBN: 978-88-8303-458-9
Appears in Collections:Civiltà del mare e navigazioni interculturali: sponde d’Europa e l’ “isola” Trieste

Files in This Item:

File Description SizeFormat
Rovatti_Civilta_del_mare.pdf158.13 kBAdobe PDFView/Open
View Statistics

Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.