OpenstarTs >
EUT-Periodici >
Incontri di filologia classica >
03. Incontri triestini di filologia classica (2003-2004) >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/911

Title: Prospettive di studio per l'immaginario del bosco nella letteratura latina
Authors: Malaspina, Ermanno
Keywords: immaginario bosco
letteratura latina
imaginary wood
latin literature
Issue Date: 21-Aug-2006
Series/Report no.: Polymnia. Studi di Filologia Classica 5
Abstract: Per riferirsi al bosco il latino ha quattro termini: lucus, nemus, saltus e silua, più o meno sinonimici, nessuno dei quali connotabile con precisione rispetto agli altri. L’anfibologia del bosco prende le mosse innanzitutto dall’opposizione locus amoenus – locus horridus, poi dall’opposizione sacro-profano, cui va aggiunta quella tra lavoro e piacere. L’ambiguità semantica è profonda, ma può venir comunque distinta in un prima e dopo Virgilio: prima di Virgilio lucus indica il bosco sacro come luogo di culto, mentre silua la numinosità legata a prodigi o anche alla semplice antichità del bosco (profano). La neutralizzazione di questa opposizione è opera di Virgilio e, successivamente, non sarà sostituita da nessun’altra; i diversi termini saranno scelti per le ragioni formali di uariatio e enumeratio. Il contributo ipotizza alcune ragioni di ordine storico, antropologico e letterario per l'evoluzione di “bosco”, sottolineando che il campo semantico tende a connotarsi in maniera sempre più bivalente, ambigua e anceps.
Latin has four words meaning “wood”: lucus, nemus, saltus and silva. These words are more or less synonymic, and none of them shows a truly distinctive connotation when compared to the others. The association of the wood with polar entities such as locus amoenus – locus horridus, sacred – profane, work – leisure is the starting point for the understanding of the amphibology, which is conclusively clarified by the Virgilian use of the words meaning “wood”. Before Vergil, lucus referred to the sacred wood, whereas silua referred to the non-sacred wood, with its prodigious nature or even its mere antiquity. After Virgil, this basic opposition fades away; rhetoric and style become the criteria governing the selection and grouping of the words meaning “wood”. This paper suggests historical, anthropological and literary reasons for the evolution of the “wood”, emphasizing the increasing ambiguity character of the concept.
URI: http://hdl.handle.net/10077/911
ISBN: 88-8303-162-8
Appears in Collections:03. Incontri triestini di filologia classica (2003-2004)

Files in This Item:

File Description SizeFormat
7 MALASPINA.pdf194.38 kBAdobe PDFView/Open
View Statistics

Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.