OpenstarTs >
EUT-Periodici >
Bollettino dell'Associazione Italiana di Cartografia >
Bollettino dell'Associazione Italiana di Cartografia 150 >

Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/9952

Title: Gli albori della cartografia geologica italiana all’Esposizione Universale di Parigi del 1878
Authors: Console, Fabiana
Pantaloni, Marco
Keywords: Geological mapping
Paris Universal Exhibition
Royal Geological Committee
Royal Geological Survey
Cartografia geologica
Esposizione Universale di Parigi
Regio Comitato geologico
Regio Ufficio geologico
Issue Date: 2014
Publisher: EUT - Edizioni Università di Trieste
Series/Report no.: Bollettino dell'Associazione Italiana di Cartografia
150
Abstract: L’esposizione Universale di Parigi del 1878 rappresentò un momento fondamentale per la geologia italiana. Solo pochi anni prima, immediatamente dopo l’unificazione del Paese, erano state istituite le strutture tecnico-scientifiche di riferimento nazionale per questa disciplina: nel 1867 venne fondato il Regio Comitato geologico e qualche anno più tardi, nel 1873, il Regio Ufficio geologico. Il primo aveva il compito di coordinare l’attività di realizzazione della cartografiageologica a copertura del territorio nazionale, che doveva essere materialmente effettuata dai geologi e ingegneri rilevatori dell’Ufficio geologico, posto allora alle dipendenze del Corpo Reale delle Miniere del Ministero dell’Agricoltura, Industria e Commercio. L’Ufficio geologico presentò all’Esposizione Universale di Parigi una serie di carte geologiche e tematiche, sia a scala di dettaglio che di sintesi, insieme ad una serie di lavori cartografici realizzati, in proprio, da diversi Autori. A questa serie di prodotti, che rappresentava il meglio della produzione cartografica in ambito geologico del nostro Paese, venne riconosciuto un elevato valore tecnico-scientifico e fu oggetto di numerosi premi e riconoscimenti Oltre alle premiazioni ufficiali decretate dalla giuria dell’Esposizione,un riconoscimento meno evidente, ma per la comunità dei geologi sicuramente più importante, fu l’assegnazione all’Italia dell’organizzazione del II Congresso Internazionale di Geologia, che si svolse poi a Bologna nel 1881
The Paris Universal Exhibition of 1878 represents a turning point for geological surveys in Italy. Just a few years earlier, that is immediately after the Country Unification, the two national technical and scientific structures for this discipline were established: the Royal Geological Committee in 1867 and the Royal Geological Survey in 1873. The former’s task was to coordinate the activities for the realization of the national geological mapping, which would be carried out by the geologists and engineers of the latter, at the time at the service of the Royal Corps of Mines of the Ministry of Agriculture, Industry and Commerce. During the Paris Universal Exposition, the Royal Geological Survey showed a series of geologic and thematic maps, both in detail and synthesis scale, together with a series of cartographic production realized by some other authors on their own. At that time, this wide range of works represented the best outcome in the field of geological production in our Country, to which also the Exposition Jury attached a high scientific and technical value and eventually awarded them numerous prizes. Besides the official ones, the most important recognition, at least for the community of geological scientists, was the assignment to Italy to organize the 2nd International Geological Congress, which then took place in Bologna in 1881.
URI: http://hdl.handle.net/10077/9952
DOI: 10.13137/2282-472X/9952
eISSN: 2282-472X
Appears in Collections:Bollettino dell'Associazione Italiana di Cartografia 150

Files in This Item:

File Description SizeFormat
Boll_AIC_150_02_console.pdf11.85 MBAdobe PDFView/Open
View Statistics

Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.