Science in the City Festival

Browse

Recent Submissions

Now showing 1 - 5 of 10
  • Publication
    LA SICUREZZA AI TEMPI DEL CORONAVIRUS. COME CAMBIA LA RICERCA
    (2020-08-29)
    Carla Savastano
    ;
    Ufficio Servizi generali per la ricerca, Università di Trieste
    intervengono Alessandro Baraldi, docente di Fisica della materia, Università di Trieste Stefano Parolai, direttore del Centro di Ricerche Sismologiche, Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale – OGS, Trieste Martina Cvajner, docente di Sociologia generale, Università di Trento Michele Saccomanno dottorando in Scienze dell'antichità, Università di Trieste modera Giorgio Sclip, esperto di sicurezza e membro del network nazionale Focal Point Italia per l’Agenzia europea per la sicurezza e la salute del lavoro, Università di Trieste
      215
  • Publication
    ADRIAQUANET – TECNOPESCE NEL TUO PIATTO
    (2020-09-02)
    Sabina Passamonti
    ;
    Dipartimento di Scienze della Vita, Università di Trieste
    ;
    in collaborazione con
    ;
    i partner del progetto AdriAquaNet, Interreg Italia-Croazia 2014-2020
    intervengono Sabina Passamonti, docente di Biochimica, Università di Trieste Paola Sist, docente di Biochimica, Università di Trieste Matteo Galeotti, docente di Patologia generale e anatomia patologica veterinaria, Università di Udine Emilio Tibaldi, docente di Zoocolture, Università di Udine Greta Krešić, docente di Nutrizione, Università di Fiume Anamarija Buneta, ricercatrice, Università di Fiume Andrea Fabris, direttore dell’Associazione Piscicoltori Italiani, Verona Mauro Pighin, fondatore Friultrota, San Daniele del Friuli (UD)
      89
  • Publication
    Le Eccellenti
    (2020-09-04)
    Patrizia Romito
    ;
    Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia
    ;
    Teatro della Tosse di Genova
    ;
    Compagnia Fattoria Vittadini di Milano
    ;
    promosso dal Comitato Unico di Garanzia – CUG dell’Università di Trieste, Comitato Unico di Garanzia della Scuola Internazionale Superiore di Studi Avanzati - SISSA
    Abstract Lo spettacolo propone una riflessione sul talento delle donne, ma anche sulla loro esclusione dal dalla sfera sociale scienza politica ed economica. Innovativa la composizione del cast con le attrici, una danzatrice e ricercatrici universitarie dirette dalla regista Macerla Serli, nello stesso spettacolo e in una serie di laboratori preliminari. La riflessione parte dalla storia di Rosalind Franklin, la scienziata che per prima riuscì a produrre delle immagini della struttura del DNA, ma il cui lavoro, non ancora pubblicato venne usato da Watson e Crick per completare la loro descrizione del DNA, cosa che valse loro il premio Nobel nel 1953. Prendendo spunto dalla vicenda di Franklin e da quella di altre scienziate che furono discriminate in ambito professionale, le partecipanti avranno la possibilità di ragionare sulle loro stesse vicende, su ciò che sono riuscite a raggiungere, sui loro fallimenti e sui loro successi. Lo scopo principale dello spettacolo è quello di indagare la vita delle donne di ieri e di oggi e le discriminazioni che subiscono nel sistema patriarcale in cui viviamo. Ma è anche quello di rappresentare a portare alla luce le attese, i sogni, le aspirazioni che caratterizzano il loro quotidiano. Regista Marcela Serli Attrice, drammaturga, regista e speaker radiofonica argentina di origini italo-libanesi, da oltre vent'anni lavora in Italia e all'estero. Inizia i suoi studi teatrali in Argentina, con Carlos Alsina, autore, regista e pedagogo tucumano, e di danza classica all'Accademia Nazionale di Danza di Tucuman. Laurea cum laude all’Università Degli Studi di Trieste con una tesi in Drammaturgia Contemporanea sulla resistenza “artistica” degli autori di teatro argentini durante la dittatura, intraprende un percorso teatrale e performativo che accanto ai temi dell'intolleranza politica e morale, dell'identità di genere, del disagio psichico, intercala una ricerca stilistica sul miscuglio dei generi, la globalizzazione del linguaggio, il caos politico e ideologico applicati ai concetti artistici. Dal 2010 dirige la Compagnia Teatrale Atopos e dal 2018 è la referente artistica del progetto Ufo, residenze d’arte non identificate, finanziato dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia.
      85
  • Publication
    SPELEOLOGIA E ARCHEOLOGIA IN RETE. LA BANCA DATI DELLE GROTTE DEL FRIULI VENEZIA GIULIA, DALLA PREISTORIA A OGGI
    (2020-09-01)
    Manuela Montagnari
    ;
    Dipartimento di Studi Umanistici, Università di Trieste
    ;
    Comune di Trieste
    ;
    Science and Technology for Cultural Heritage Centre - SCICC
    ;
    in collaborazione con Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia – Servizio geologico – Direzione centrale, Ambiente ed Energia, Civici Musei di Udine
    Abstract Le grotte, e quelle del Friuli Venezia Giulia non fanno eccezione, da sempre hanno attirato uomini e animali, perché? sono state usate come rifugio, stalla, luogo di sepoltura, di culto, ecc. dal Paleolitico (c. 500.000 anni da oggi) in poi: solo nel Carso triestino sono almeno 180, stando ai risultati di studi interdisciplinari che riuniscono e analizzano criticamente dati derivanti da esplorazioni speleologiche, scavi archeologici, fonti storiche ed etnografiche. Tali risultati sono confluiti in C.R.I.G.A. - Catasto Ragionato Informatico [georiferito] delle Grotte Archeologiche (http://www.units.it/criga), che a breve sarà ampliato a tutta la regione e inserito nel Catasto Speleologico Regionale, gestito dalla Regione Autonoma FVG, accessibile a tutti. Al progetto e al database C.R.I.G.A. sarà dedicata la serata conclusiva di Archeologia di sera 2020, ma tutto il programma, elaborato dal Comune di Trieste in collaborazione con gli altri partner del Progetto di divulgazione scientifica “Grotte fra storia e scienza, ricerca e narrazione”, finanziato dalla Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia.
      193  102
  • Publication
    Spazi dell’(iper)sensibile
    (2020-09-06)
    Giuseppina Scavuzzo
    ;
    Dipartimento di Ingegneria e Architettura, Università di Trieste
    ;
    in collaborazione con i partner del progetto europeo Senshome, Interreg V-A - Italia-Austria 2014-2020:
    ;
    Libera Università di Bolzano
    ;
    Carinthia University of Applied Sciences
    ;
    Eureka System s.r.l.
    ;
    con la Fondazione Progettoautismo FVG-Onlus e Associazione E. N. Rogers
    Intervengono Giuseppina Scavuzzo, docente di Composizione e architettura urbana, Università di Trieste Fabrizio Acanfora, insegnante, scrittore e musicista Walter Sguazzin, insegnante e musicista modera Eleonora Degano, giornalista scientifica
      98