03. Hoc quoque laboris praemium. Scritti in onore di Gino Bandelli

SOMMARIO

Chiabà Monica

Nota del curatore

Buonocore Marco

Un nuovo praetor duovir da Telesia

Buonopane Alfredo

Due ghiande missili col nome del fabbricante nel Museo Archeologico al Teatro Romano di Verona

Càssola Guida Paola

Tra cielo e mare: ancora qualche nota sull’iconografia del viaggio del sole

Cébeillac-Gervasoni Mireille

Quaestor Ostiensis: une fonction ingrate?

Cenerini Francesca

Il ruolo delle donne nelle città alla fine dell’età repubblicana: il caso di Mutina

Chiabà Monica

A proposito dei matrimoni fra indigeni e coloni ad Aquileia, comunità di frontiera. Le pietre ‘raccontano’…

Coarelli Filippo

I quaestores classici e la battaglia delle Egadi

Cresci Marrone Giovannella, Marinetti Anna

Messaggio iscritto e modelli di romanizzazione: il caso di Montebelluna

Crevatin Franco

Verteneglio

Deniaux Elizabeth

La famille des Marii et l’histoire de la colonie romaine de Byllis

Donati Angela

Il linguaggio della guerra e della pace nell’epigrafia di Augusto

Foraboschi Daniele

I primi Romani sul Nilo

García Fernández Estela

Estrabón (III 2, 1) y la fundación de Córdoba. Una nueva propuesta de interpretación

Giorcelli Bersani Silvia

L’«egregium commentarium» di Catavignus

Gregori Gian Luca

Ancora sull’iscrizione dell’atestino Marco Billieno, veterano di Azio (CIL, V 2501 = ILS 2243)

Lepore Giuseppe

La colonia di Sena Gallica: un progetto abbandonato?

Magnani Stefano

Aquileia e l’entroterra venetico e retico: alcune considerazioni

Mainardis Fulvia

Realtà insediative e diffusione della scrittura epigrafica nel territorio di Iulium Carnicum (Zuglio, UD)

Marcone Arnaldo

Forme di ‘scrittura quotidiana’ a Roma e nel mondo romano tra la fine dell’età repubblicana e la prima età imperiale

Marengo Silvia M.

Appunti per la ‘riscoperta’ di CIL, IX 5311

Maselli Scotti Franca

Riflessioni sul paesaggio aquileiese all’arrivo dei Romani

Mastrocinque Attilio

Marsia e la civitas Romana

Migliario Elvira

A proposito di penetrazione romana e controllo territoriale nel Piemonte orientale: qualche considerazione

Montagnari Kokelj Manuela

Note su Ludwig Karl Moser, Carlo Marchesetti e le indagini di fine ‘800 - inizi ‘900 nelle grotte del Carso triestino

Muzzioli Maria Pia

Il problema delle assegnazioni sillane nel Tuscolano

Nonnis David

A proposito del ‘monumento dei Calpurnii’ a Cales: una nuova proposta interpretativa

Paci Gianfranco

La nascita della colonia romana di Urbisaglia

Polverini Leandro

Alla scuola di Mommsen. Ettore Pais e la storia della colonizzazione romana

Ruiz Gutiérrez Alicia

Aspectos económicos de la migración itálica a la Hispania Citerior (siglos II-I a.C.)

Santos Yanguas Juan, Martínez Caballero Santiago

Modelos de urbanización en época republicana en la Celtiberia de arévacos y pelendones

Silvestrini Marina

Quale questura nel municipio di Brindisi? A proposito di AEp 2006, 320-321

Sisani Simone

Due nuove iscrizioni su instrumentum dal distretto plestino

Valvo Alfredo

Il declino della Repubblica nel De haruspicum responsis

Zaccaria Claudio

T. Annius T. f. tri(um)vir e le prime fasi della colonia latina di Aquileia. Bilancio storiografico e problemi aperti

Zecchini Giuseppe

Pola e Cesare

Appendice - Gino Bandelli, elenco delle pubblicazioni dal 1969 al 2013

Browse

Recent Submissions

Now showing 1 - 5 of 38
  • Publication
    Appendice
    (EUT Edizioni Università di Trieste, 2014)
      620  2996
  • Publication
    Pola e Cesare
    (EUT Edizioni Università di Trieste, 2014)
    Zecchini, Giuseppe
    Il presente contributo riesamina la politica di Cesare sul confine nordorientale d’Italia: la fondazione di Pola completa la fase difensiva di quella politica e prelude alla fase offensiva, che fu poi compiuta da Ottaviano; il collegamento della nuova fondazione con Ercole si inserisce nel parallelismo tra Ercole e Cesare stesso, di cui abbiamo testimonianza soprattutto in Diodoro, ma anche in Virgilio. L’appartenenza di Pola alla Gallia Cisalpina sotto Cesare prepara l’estensione dei confini d’Italia oltre Emona sotto Augusto.
      779  1786
  • Publication
    T. Annius T. f. tri(um)vir e le prime fasi della colonia latina di Aquileia. Bilancio storiografico e problemi aperti
    (EUT Edizioni Università di Trieste, 2014)
    Zaccaria, Claudio
    Viene presentato un aggiornamento critico sulle principali questioni sollevate dall’elogium di T. Annius, uno dei commissari incaricati nel 169 a.C. di condurre un supplementum di coloni ad Aquileia (AEp 1996, 685). I temi discussi sono: identificazione del personaggio; tipologia del monumento e dell’iscrizione; datazione, committenza e collocazione originaria della base; azioni del triumviro nella colonia; collocazione e funzione dell’aedes; eventuale connessione del triumviro con la via Annia.
      1109  3015
  • Publication
    Il declino della Repubblica nel De haruspicum responsis
    (EUT Edizioni Università di Trieste, 2014)
    Valvo, Alfredo
    I responsi degli aruspici ricordati da Cicerone, nel clima di fine saeculum fra il consolato di Silla dell’88 e la fine della guerra perugina, che segnò anche la fine del nomen Etruscum, trovano apparentemente una conferma nelle vicende che seguono immediatamente l’anno 56, ma sono smentiti dall’esito finale della ritrovata certezza del proprio destino che i Romani avevano maturato nel periodo delle conquiste mediterranee e consolidato con l’ideologia-teologia della vittoria: imperium sine fine dedi, rassicura Giove.
      1075  1680
  • Publication
    Due nuove iscrizioni su instrumentum dal distretto plestino
    (EUT Edizioni Università di Trieste, 2014)
    Sisani, Simone
    Due inedite iscrizioni su instrumentum provenienti dal territorio plestino (Colfiorito di Foligno, PG) offrono nuovi elementi a conferma della precocità del processo di romanizzazione nel vasto settore compreso tra Umbria appenninica, ager Gallicus e ager Picenus, e consentono di riesaminare la dibattuta questione relativa all’attribuzione linguistica di un cospicuo gruppo di graffiti su ceramica di III-II sec. a.C. di provenienza umbra, recentemente ascritti al corpus italico ma da considerare invece genuinamente latini.
      659  1673