Radiologia cardiovascolare. 70 anni di immagini dall’“Archivio Camerini” ai giorni nostri

Scarica il FullText

 

Details

Da oltre un secolo le immagini radiologiche sono entrate nella pratica medica. Nel corso del tempo la radiologia ha visto fiorire numerose tecniche divenendo un indispensabile ausilio diagnostico. Questo atlante si propone di ripercorrere brevemente la storia della diagnostica per immagini in ambito cardiovascolare, utilizzando materiale attinto dall’archivio personale del Professor Fulvio Camerini, il fondatore e direttore della Cardiologia di Trieste dalla fine degli anni ’60 al 1995, e privilegiando la metodica più semplice e diffusa, la radiografia del torace. Infatti, sebbene siano entrate nell’uso comune numerose e più “raffinate” metodiche di diagnostica per immagini, la radiografia del torace rimane uno degli esami maggiormente eseguiti, grazie alla sua facile accessibilità, immediatezza dei risultati e ridotta esposizione a radiazioni ionizzanti. Nella seconda parte dell’atlante vengono analizzati alcuni casi clinici attraverso la chiave di lettura dell’imaging multimodale avanzato, a sottolineare gli enormi progressi della radiologia clinica, nelle sue varie articolazioni e complessità. Questo testo ha una sua valenza storica ed educativa e vogliamo esprimere gratitudine per tutti coloro che hanno contribuito a raccogliere le immagini e per coloro che vi si sono dedicati negli anni.


Gianfranco Sinagra (Palermo, 1964). Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Palermo nel 1987 e Specializzato in Cardiologia presso l’Università degli Studi di Trieste nel 1992. È Direttore del Dipartimento Cardiotoracovascolare e Professore di Cardiologia presso l’Azienda Sanitaria Universitaria Giuliano[1]Isontina e l’Università degli Studi di Trieste e Fellow della Società Europea di Cardiologia. Coordinatore del Centro di Cardiologia Traslazionale (CTC) in collaborazione con l’International Center for Genetic Engineering and Biotechnology di Trieste. È autore di oltre 990 pubblicazioni sotto forma di Articoli su Riviste Scientifiche Peer Reviewed recensite su Medline e Contributi in Volumi Internazionali e Nazionali. Oltre 26800 citazioni totali (Scopus). Molto impegna[1]to nella divulgazione scientifica e trasferimento di conoscenze, ha coordinato numerose iniziative di formazione e didattiche nell’am[1]bito di Università, Società Scientifiche, Associazioni di Volontariato, Televisione, Comunità Scolastiche e la Comunità degli Italiani in Istria per l’Università Popolare di Trieste. Revisore e Componente di numerosi Comitati Editoriali e Scientifici. I principali campi di interesse sono lo Scompenso Cardiaco e Malattie del Miocardio, le Malattie Cardiache Geneticamente determinate, la Cardiologia Molecolare e la Neoangiogenesi.

Marco Masè (Trieste, 1991). Laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Trieste nel 2017. Specializzato nel 2022 in Malattie dell’Apparato Cardiovascolare presso l’Universi[1]tà degli Studi di Trieste e la Struttura Complessa di Cardiologia, Azienda Sanitaria Universitaria Giuliano Isontina. Attualmente Dirigente medico presso la struttura complessa di Cardiologia di Gorizia e Monfalcone, Azienda Sanitaria Universitaria Giuliano Isontina. Autore di 19 pubblicazioni sotto forma di Articoli su ri[1]viste scientifiche peer reviewed recensite su Medline e contributi in volumi nazionali. I principali settori scientifici di interesse sono lo Scompenso Cardiaco, il test Cardiopolmonare, le Malattie del Miocardio e le Malattie Cardiache Geneticamente Determinate.

Maddalena Rossi (Maratea, 1993). Laureata in Medicina e Chirurgia presso l’Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma nel 2018. Specializzata in Malattie dell’Apparato Cardiovascolare presso l’Uni[1]versità degli Studi di Trieste e la Struttura Complessa di Cardiologia, Azienda Sanitaria Universitaria Giuliano Isontina di Trieste nel 2023. Attualmente Dottoranda in Biomedicina Molecolare presso la stes[1]sa Università. Autrice di 25 pubblicazioni sotto forma di Articoli su Riviste Scientifiche Peer Reviewed recensite su Medline e Contributi in Volumi Internazionali e Nazionali. I principali settori scientifici di interesse sono lo Scompenso Cardiaco, le Malattie del Miocardio e la ricerca in tema di Malattie Cardiache Geneticamente determinate.

Browse

Recent Submissions

Now showing 1 - 1 of 1
  • Publication
    Radiologia cardiovascolare. 70 anni di immagini dall’ “Archivio Camerini” ai giorni nostri
    (2024)
    SINAGRA, GIANFRANCO
    ;
    Masè, Marco
    ;
    Rossi, Maddalena
    ;
    Cannatà, Antonio
    ;
    Artico, Jessica
    ;
    Castrichini, Matteo
    ;
    De Luca, Antonio
    ;
    Maione, Davide
    ;
    Porcari, Aldostefano
    ;
    BELGRANO, MANUEL GIANVALERIO
    ;
    Pagnan, Lorenzo
    ;
    MERLO, MARCO
    Da oltre un secolo le immagini radiologiche sono entrate nella pratica medica. Nel corso del tempo la radiologia ha visto fiorire numerose tecniche divenendo un indispensabile ausilio diagnostico. Questo atlante si propone di ripercorrere brevemente la storia della diagnostica per immagini in ambito cardiovascolare, utilizzando materiale attinto dall’archivio personale del Professor Fulvio Camerini, il fondatore e direttore della Cardiologia di Trieste dalla fine degli anni ’60 al 1995, e privilegiando la metodica più semplice e diffusa, la radiografia del torace. Infatti, sebbene siano entrate nell’uso comune numerose e più “raffinate” metodiche di diagnostica per immagini, la radiografia del torace rimane uno degli esami maggiormente eseguiti, grazie alla sua facile accessibilità, immediatezza dei risultati e ridotta esposizione a radiazioni ionizzanti. Nella seconda parte dell’atlante vengono analizzati alcuni casi clinici attraverso la chiave di lettura dell’imaging multimodale avanzato, a sottolineare gli enormi progressi della radiologia clinica, nelle sue varie articolazioni e complessità. Questo testo ha una sua valenza storica ed educativa e vogliamo esprimere gratitudine per tutti coloro che hanno contribuito a raccogliere le immagini e per coloro che vi si sono dedicati negli anni.
      145  896