QuaderniCIRD 09 (2014)

Details

QuaderniCIRD n. 9 (2014)
Rivista del Centro Interdipartimentale per la Ricerca Didattica dell’Università di Trieste.
Direttore responsabile: Luciana Zuccheri.
Comitato editoriale: Furio Finocchiaro, Helena Lozano Miralles, Tiziana Piras, Paolo Sorzio, Michele Stoppa, Verena Zudini, Anna Maria Ferluga.
Revisione sunti in inglese: Monica Randaccio.
Numero a cura di: Luciana Zuccheri, Helena Lozano Miralles.

Browse

Recent Submissions

Now showing 1 - 5 of 7
  • Publication
    Norme generali per i collaboratori della rivista «QuaderniCIRD»
    (EUT Edizioni Università di Trieste, 2014)
      483  308
  • Publication
    La teoria della Gestalt. Figure, temi di interesse e prospettive per la didattica
    (EUT Edizioni Università di Trieste, 2014)
    Zudini, Verena
    A partire da una breve rassegna degli studiosi principali e dei temi da questi sviluppati nel contesto della teoria della Gestalt, se ne considereranno aspetti di rilievo per la didattica, in particolare della matematica. Si mostrerà come tali aspetti risultino quanto mai attuali nelle analisi cognitive e come il loro approfondimento possa essere utile per capire soprattutto in quali direzioni orientare la ricerca futura.
      1847  31395
  • Publication
    Il teatro a scuola
    (EUT Edizioni Università di Trieste, 2014)
    Quazzolo, Paolo
    A partire dagli anni Sessanta il teatro entra per la prima volta a scuola, proponendo una serie di tecniche volte a migliorare l’affiatamento del gruppo e promuovendo l’idea di una scuola come luogo in cui discenti e docenti crescono assieme. Nel corso degli anni Settanta l’animazione svolge importanti attività destinate soprattutto a superare le negatività legate all’ambito scolastico, perseguendo nuove strategie didattiche. Entrata in crisi negli anni Ottanta, l’animazione è stata sostituita dal “Teatro Ragazzi”, ossia una forma di teatro gestita da professionisti e appositamente pensata per un pubblico di giovani. A partire dagli anni Novanta si assiste a una nuova evoluzione che porta alla nascita di manifestazioni denominate ”Palio Teatro Scuola”: vere e proprie competizioni tra istituti scolastici, ove a salire sul palcoscenico sono gli studenti. Oggi, al fianco dell’idea del “fare teatro” si sta riaffermando l’idea del “vedere teatro”, tuttavia con nuove metodologie che pongono il pubblico studentesco sul medesimo piano di quello adulto.
      1146  5365
  • Publication
    La didattica del croato e del serbo nella Sezione di Studi di Lingue Moderne per Interpreti e Traduttori dell’Università di Trieste
    (EUT Edizioni Università di Trieste, 2014)
    Piasevoli, Vesna
    ;
    Vranješ, Maja
    La lingua una volta chiamata serbo-croato, ovvero croato-serbo, oggi ha ben quattro denominazioni, ognuna di esse con determinate peculiarità socio-linguistiche. Le quattro lingue standard, bosniaco, croato, montenegrino e serbo, traggono le proprie radici dal dialetto štokavo e sono ancora oggi comprensibili per i parlanti di ognuna di esse. Per quanto concerne le traduzioni in qualsiasi ambito, bisogna, però, tenere conto dello standard verso il quale si traduce. Il “Corso di Studio di Lingue Moderne per Interpreti e Traduttori” a Trieste comprende insegnamenti di ognuno di questi standard e delle differenze che esistono fra loro. Negli ultimi anni, in vista dell’entrata della Croazia nell’UE, nonché dei processi d’integrazione nell’UE di altri paesi in cui si parlano le lingue in oggetto, sta crescendo esponenzialmente il numero di studenti italofoni, mentre si conferma anche l’interesse degli studenti madrelingua slavi per i diversi standard.
      995  2359