03 Lingue e scritture nell’Egeo pregreco

Details

Il volume “Lingue e scritture nell’Egeo pregreco” raccoglie i contributi di alcuni tra i maggiori specialisti italiani di quest’ambito di studi, che in Italia vanta una lunga tradizione. L’obiettivo dell’opera è duplice: da una parte, ricostruire il quadro complessivo dei rapporti che sono intercorsi fra i sistemi di scrittura attestati a Creta e a Cipro tra II e I millennio a.C.; dall’altra, verificare quali indicazioni possano essere desunte da questo genere di testimonianze per l’individuazione di almeno alcuni tratti tradizionalmente attribuiti al sostrato pregreco dell’Egeo orientale. Inoltre, l’analisi di dettaglio dedicata ad alcuni sistemi scrittori particolarmente interessanti e problematici, come il geroglifico cretese e la scrittura del disco di Festo, per quanto concentrata sulle scritture cretesi, rende più ricco e sotto certi aspetti più complesso il quadro generale. Tutto questo permette infine di gettare nuova luce sulla fase di passaggio fra scrittura semasiografica e l’emergere di un tipo di scrittura pienamente glottografico.

Browse

Recent Submissions

Now showing 1 - 5 of 8
  • Publication
    Un bilancio e qualche prospettiva di ricerca
    (EUT Edizioni Università di Trieste, 2023)
    Consani, Carlo
    Il contributo passa in rassegna i risultati di maggiore rilievo acquisiti grazie ai lavori raccolti nel volume e mette in evidenza due principali direzioni per le future ricerche nell’ambito delle lingue e scritture dell’Egeo pregreco. Innanzi tutto l’analisi della documentazione sfragistica del geroglifico cretese, unitamente alle attestazioni più arcaiche della lineare A e alla formula di Archanes, apre prospettive di lavoro interessanti per il rapporto fra scrittura glottografica e scrittura semasiografica e per la comprensione del fenomeno scrittorio in sé. D’altra parte la documentazione scritta non lascia trasparire fenomeni correlabili in maniera incontrovertibile con la pluralità linguistica delle due isole di cui parla la tradizione letteraria, a cominciare dal noto passo omerico sul plurilinguismo cretese; in questa direzione non rimane che auspicare un incremento sia qualitativo sia quantitativo della documentazione scritta tale da permettere decisivi progressi nella descrizione delle lingue dell’Egeo pregreco.
      78  53
  • Publication
    Ortografia sillabica del geroglifico egiziano e materiale linguistico egeo
    (EUT Edizioni Università di Trieste, 2023)
    Facchetti, Giulio M.
      71  98
  • Publication
    I segni aritmetici
    (EUT Edizioni Università di Trieste, 2023)
    Negri, Mario
      53  40
  • Publication
    La scrittura “fuori” da Creta. Nuove evidenze epigrafiche ad Akrotiri (Thera)
    (EUT Edizioni Università di Trieste, 2023)
    Notti, Erika
    Questo lavoro verte sulla documentazione in lineare A emersa nelle Cicladi, nel quadro generale delle relazioni tra Creta e “i suoi vicini” suggerite dalla diffusione della scrittura. Si presentano, in particolare, alcune note preliminari, epigrafiche e paleografiche, riguardo a un nuovo testo recentemente scoperto ad Akrotiri.
      33  37
  • Publication
    Il disco di Festo e la direzione di scrittura
    (EUT Edizioni Università di Trieste, 2023)
    Marmai, Ippolito
    La presente ricerca è stata in grado di mostrare come la sequenza geroglifica del disco di Festo si svolga in direzione lineare lungo il percorso delle spirali, partendo dal centro verso la periferia, cioè da sinistra verso destra, per terminare infine con la linea contrassegnata da cinque punti dello stilo. L'attuale vulgata sulla direzione di scrittura da destra a sinistra, dall'esterno verso il centro del disco, desunta da 2 o 5 sovrapposizioni, è definitivamente superata da due particolari mai considerati fino ad ora: 1) le deformazioni di alcuni segni, causate dalla punzonatura del carattere alla loro destra; 2) il ritocco-graffio della linea di intersezione tra A XIV e A XIII, con la serie di trattini paralleli interrotti dalla svasatura dei cinque punti, posti sulla presunta linea di apertura, che l'ingrandimento fotografico rivela invece essere la linea di chiusura del testo.
      78  134