in/Tigor 10 Salvatore Pugliatti giurista: per un diritto tra sistema e storia

Details

Affermando, per ogni scienza, la rilevanza metodologica della conoscenza del contesto e della multidisciplinarietà, Salvatore Pugliatti sosteneva in particolare, per la scienza giuridica, l’esigenza di coniugarne l’astratto formalismo, edificato su «rigorose costruzioni sistematiche», con il principio per cui «poiché, nella sua concretezza, il diritto è vita e storia, anche…le sistemazioni della scienza giuridica sono nel dominio della storia». L’opera affronta le fasi del percorso tramite cui Pugliatti è giunto a tale convincimento: dagli esordi formalistico-giuspositivisti alla “polemica sulla natura dei concetti giuridici”, dal dibattito sulla “crisi del diritto” all’elaborazione del concetto di “giurisprudenza come scienza pratica”, capace di comporne dialetticamente il fisiologico dualismo astratto-concreto, all’elaborazione dell’idea della complessità dell’esperienza giuridica come cornice entro cui il diritto, nella storia, è “sintesi del molteplice nell’uno”.

Browse

Recent Submissions

Now showing 1 - 1 of 1
  • Publication
    Salvatore Pugliatti giurista: per un diritto tra sistema e storia
    (EUT Edizioni Università di Trieste, 2013)
    Favaro, Stefano
    Affermando, per ogni scienza, la rilevanza metodologica della conoscenza del contesto e della multidisciplinarietà, Salvatore Pugliatti sosteneva in particolare, per la scienza giuridica, l’esigenza di coniugarne l’astratto formalismo, edificato su «rigorose costruzioni sistematiche», con il principio per cui «poiché, nella sua concretezza, il diritto è vita e storia, anche…le sistemazioni della scienza giuridica sono nel dominio della storia». L’opera affronta le fasi del percorso tramite cui Pugliatti è giunto a tale convincimento: dagli esordi formalistico-giuspositivisti alla “polemica sulla natura dei concetti giuridici”, dal dibattito sulla “crisi del diritto” all’elaborazione del concetto di “giurisprudenza come scienza pratica”, capace di comporne dialetticamente il fisiologico dualismo astratto-concreto, all’elaborazione dell’idea della complessità dell’esperienza giuridica come cornice entro cui il diritto, nella storia, è “sintesi del molteplice nell’uno”.
      1514  2266