04 I tetradrammi di Leontinoi. Dinamiche produttive e storico-artistiche

News

Il lavoro rappresenta il primo studio sistematico sulla produzione di tetradrammi da parte di Leontinoi, le cui emissioni, tra le maggiori testimonianze dell’arte incisoria siceliota, si concentrano tra gli anni Settanta e Venti del V secolo a.C. La ricerca affronta la coniazione di centosessantadue serie di tetradrammi, commentate attraverso la ricostruzione delle sequenze dei conî, l’analisi stilistico-formale dei tipi monetali, il confronto con i nominali minori, nonché lo spoglio dei ripostigli noti, offrendo nuovi elementi e considerazioni nell’ambito degli studi di numismatica e arte siceliote.


Sebastiano Paolo Maltese si è laureato in Scienze Archeologiche presso la Sapienza Università di Roma. Presso lo stesso ateneo, consegue la laurea magistrale in Archeologia con una tesi sullo studio delle sequenze di conî nel periodo dei c.d. Maestri Firmanti di Siracusa. Durante gli anni della formazione universitaria ha modo di perfezionarsi nello studio della Numismatica Antica affinando il suo giudizio critico nei riguardi della storiografia greca e della storia dell’arte classica sotto la guida di M. Barbanera. Partecipa a numerose missioni di scavo in Italia, Grecia e Turchia. Come allievo della Scuola Archeologica Italiana di Atene (2019-2021), si specializza con uno studio sulla monetazione di Leontinoi: esso costituisce il punto di avvio da cui prende forma il presente volume.

Browse

Recent Submissions

Now showing 1 - 1 of 1
  • Publication
    I tetradrammi di Leontinoi. Dinamiche produttive e storico-artistiche
    (2023)
    Maltese, Sebastiano Paolo

    The book contains a completely new systematic study on the tetradrachms struck by Leontinoi in the 5th century BC. Among the greatest testimonies of the Greek art in Sicily, the one hundred and sixty series of tetradrachms collected here are commented on through the recognition of die-sequences, the figurative analysis of coin types, the relationships with minor denominations, and, finally, through an upgraded survey on the most important coin finds of Sicily.
      174  999