AFAT. Rivista di Storia dell’arte fondata nel 1975

AFAT_p.jpg picture

AFAT (Arte in Friuli Arte a Trieste) è una rivista scientifica annuale fondata nel 1975 presso l'Istituto di Storia dell’Arte dell’Università di Trieste, ora Dipartimento di Studi Umanistici. Nel corso degli anni, la rivista ha prestato, e presta, grande attenzione ai temi emergenti del dibattito storico artistico medievale, moderno e contemporaneo, pubblicando saggi che esplorano numerosi territori tematici. AFAT si propone di rendere disponibili alla comunità degli studiosi e a un più vasto pubblico interventi inediti (la cui redazione scritta è sottoposta a peer review) su temi inerenti l’arte veneziana e non solo, riuniti sia in volume a stampa (EUT Edizioni Università di Trieste), sia in formato elettronico e liberamente accessibili online. I contributi sono accompagnati da abstract in inglese o in italiano di max 200 parole. Il copyright dei contributi appartiene ad AFAT. La pubblicazione della rivista si ispira al codice etico elaborato dal COPE. Best Practice Guidelines for Journals Editors. AFAT si avvale di un sistema di valutazione di almeno due referee anonimi italiani e/o stranieri che formulano un giudizio sulla pubblicabilità dei contributi proposti in rapporto all’originalità di contenuti e metodi e alla correttezza della ricerca; possono concorrere con loro suggerimenti al miglioramento del testo da parte dell’autore, a indicare le eventuali incongruenze e a segnalare eventuali integrazioni bibliografiche fondamentali. Sono tenuti a rifiutare la lettura di contributi per i quali possano sussistere conflitti di interessi. Hanno l’obbligo della riservatezza e sono tenuti a motivare adeguatamente ai redattori il loro giudizio. Il comitato scientifico è responsabile della decisione di pubblicare i contributi proposti sulla scorta dei reports dei referee e, se del caso, della loro ulteriore e diretta consultazione. I membri del comitato hanno l’obbligo della riservatezza sui contributi proposti.