Incontri di filologia classica

Incontri.jpg picture

Gli Incontri di filologia classica (INCF) sono una rivista scientifica internazionale a cadenza annuale. Nata per accogliere le relazioni discusse da studiosi appositamente invitati all’interno dei seminari che si tenevano presso l’Università di Trieste (da qui il titolo Incontri triestini di filologia classica, conservato fino al volume IX), la rivista pubblica, previa valutazione, contributi inviati alla redazione e/o discussi nell’ambito di incontri scientifici in Italia e all’estero.

Gli INCF si propongono di rendere disponibili alla comunità degli studiosi interventi inediti (la cui redazione scritta è sottoposta a peer review) su temi inerenti la cultura greca, latina, medievale e bizantina, riuniti sia in volume a stampa (EUT ─ Edizioni Università di Trieste), sia in formato elettronico, rigorosamente open access per consentirne la massima diffusione e la disponibilità a un pubblico sempre più vasto.

I contributi, accompagnati da abstract in inglese e in italiano di max 200 parole, potranno essere nelle lingue italiana, inglese, tedesca, francese, spagnola e portoghese. Il copyright dei contributi appartiene a INCF.

La pubblicazione della rivista si ispira al codice etico elaborato dal COPE. Best Practice Guidelines for Journals Editors.

Gli INCF si avvalgono di un sistema di valutazione di almeno due referee anonimi, italiani e/o stranieri, che formulano un giudizio sulla pubblicabilità dei contributi proposti in rapporto alla originalità di contenuti, al rigore metodologico e alla correttezza della ricerca. Possono concorrere con loro suggerimenti al miglioramento del testo da parte dell’autore, indicare le eventuali incongruenze e segnalare integrazioni bibliografiche. Sono tenuti a rifiutare la lettura di contributi per i quali possano sussistere conflitti di interessi. Hanno l’obbligo della riservatezza e sono tenuti a motivare adeguatamente ai redattori il loro giudizio.

La decisione di pubblicare i contributi proposti spetta alla direzione editoriale (unica responsabile della scelta) sulla scorta dei giudizi formulati dai referee; qualora necessario, la direzione si riserva di chiedere ulteriori consulti ai referee o ad altre personalità scientifiche di comprovato valore. Tutti i redattori hanno l’obbligo della riservatezza sui contributi proposti.

Gli autori sono tenuti a fornire sempre contributi originali e a precisare correttamente le fonti e i testi citati, nonché a indicare la spettanza delle varie parti nel caso di contributi a più mani. Gli autori non possono proporre lo stesso testo a più di una rivista contemporaneamente.

Gli autori sono tenuti a segnalare alla redazione errori o inesattezze rilevate nel proprio testo perché si provveda alle necessarie correzioni prima della stampa e della pubblicazione online.

Valutazione ANVUR: A

 

 
Type
Periodici