Publication:
Incrementare la reticolarità ecologica in aree marginali: il caso della Valle Po in Piemonte

Loading...
Thumbnail Image
Date
2022
Journal Title
Journal ISSN
Volume Title
Publisher
Research Projects
Organizational Units
Journal Issue
Abstract
Il contributo presenta un lavoro di definizione della struttura della rete ecologica locale nell’ambito del contesto territoriale della Valle Po nel tratto da Saluzzo al Pian del Re in Piemonte, con l’utilizzo del-la nuova Corine Land Cover del Piemonte 2021. Le analisi geospaziali e le rappresentazioni cartografiche sono mirate all’identificazione e alla predisposizione sul territorio di interventi utili alla tutela degli habitat e delle specie di interesse per la conservazione della biodiver-sità che diventano strategiche per ragionare sulla qualità ecologica complessiva di queste aree interne di montagna. La mappatura della funzionalità ecologica del territorio è stata realizzata utilizzando una metodologia che valuta, a partire dalle diverse tipologie di uso del suolo e da cinque indicatori definiti (Naturalità, Rilevanza per la con-servazione, Estroversione, Fragilità, Irreversibilità), il livello di status ecologico. Valutato il livello di funzionalità ecologica, si è proceduto a determinare quali fossero i migliori collegamenti tra le aree più forti ecologicamente mediante l’individuazione dei percorsi di mino-re costo (least-cost paths). Il prodotto di questa analisi è un piccolo tassello da leggersi in un più ampio contesto di valorizzazione del capitale naturale di questa valle, conosciuta per i suoi paesaggi in-contaminati di alta montagna nonché meta turistica per gli amanti del trekking quali fruitori ultimi della ricca rete sentieristica.
<br/> The contribution presents work on the definition of the structure of the local ecological network within the territorial context of the Po Valley in the section from Saluzzo to Pian del Re in Piedmont, using the new Corine Land Cover of Piedmont 2021. The geospa-tial analyses and cartographic representations are aimed at the identification and predisposition on the territory of interventions useful for the protection of habitats and species of interest for the biodiversity conservation, which become strategic for reason-ing about the overall ecological quality of these internal moun-tain areas. The mapping of the territory’s ecological functional-ity was carried out using a methodology that assesses the level of ecological status, starting from the different types of land use and five defined indicators (Naturalness, Relevance for Conservation, Extroversion, Fragility, Irreversibility). Having assessed the level of ecological functionality, the best connections between the ecologi-cally strongest areas were determined by identifying the least-cost paths. The product of this analysis is a small piece to be read in a broader context of the valorisation of the natural capital of this valley, known for its uncontaminated high mountain landscapes as well as a tourist destination for trekking enthusiasts as users of the rich trail network.
Description
Keywords
Rete ecologica, Naturalità, Paesaggio, Uso del suolo, Analisi raster, Map algebra, Least-cost path, Ecological network, Naturalness, Landscape, Land use, Raster analysis
Citation
Paola Guerreschi, Luigi La Riccia, "Incrementare la reticolarità ecologica in aree marginali: il caso della Valle Po in Piemonte" in: "Bollettino dell'Associazione Italiana di Cartografia 175 (2022)", EUT Edizioni Università di Trieste, Trieste, 2022, pp. 114-125