Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/10086
Title: Abitanti di uno spazio incerto. Pratiche e paradossi in una etnografia tra rifugiati, operatori e diritti sociali.
Authors: Signorini, Virginia
Supervisore/Tutore: Pocecco, Antonella
Cosupervisore: Boileau, Anna Maria
Issue Date: 16-Apr-2014
Publisher: Università degli studi di Trieste
Abstract: 
Questa indagine propone una lettura del sistema- rifugio italiano partendo dal paradosso della
inclassificabilità del rifugiato, non più cittadino del proprio Paese di origine e non ancora cittadino
del Paese di approdo, focalizzandosi su quello spazio liminale – a cavallo tra lo status di rifugiato e
lo status di cittadino – in cui prendono vita le pratiche quotidiane tipiche del contesto del rifugio.
Una componente del contesto italiano è la precarietà del confine tra protezione e abbandono che
si rispecchia nella instabile possibilità di inserimento nei progetti nati per svolgere a vario titolo
azioni di facilitazione nell'accesso ai diritti sociali dei rifugiati. Sono molti i rifugiati che nonostante
l'esistenza di tali progetti si trovano in molti casi costretti a vivere in contesti marginali.
Le categorie della cittadinanza e del rifugio non sono qui considerate come sole categorie
giuridiche, ma come processi attraverso cui l'individuo si relaziona con il proprio sé e con i soggetti
che incontra, e a seconda dell'ambito di potere in cui si trova. Tramite l'osservazione e la raccolta di
testimonianze di chi quotidianamente si muove lungo la linea immaginaria che collega il mondo
dei progetti a quello dei potenziali ospiti, questo lavoro di ricerca permette una rilettura del
sistema rifugio ponendo in rilievo le sue contraddizioni nell'ambito delle relazioni tra la dimensione
del terzo settore e delle istituzioni, tra le politiche e le pratiche afferenti a tali dimensioni e
quotidianamente messe in atto nella relazione tra gli operatori e i rifugiati “dentro ai progetti” e
nelle quotidianità al di “fuori dei progetti”.
La lente attraverso cui si è scelto di procedere in questa osservazione, nella specifica esperienza
della Toscana, è quella dei percorsi di accesso al diritto all'accoglienza e alla salute nel passaggio
dalla loro titolarità alla effettiva esigibilità. Particolare attenzione è rivolta alle dinamiche che
riguardano quelle persone rifugiate che appartengono alle cosiddette “categorie vulnerabili”.
Il lavoro si interroga su quale sia e quale dovrebbe essere il ruolo dei progetti, e di chi vi opera
all'interno, nell'accesso ai diritti dei rifugiati in generale e in particolare di quei rifugiati considerati
in una condizione di prioritaria necessità di inserimento in percorsi di supporto nell'accesso ai
propri diritti. In particolare, la ricerca viene a verificare se nel corso degli ultimi venti anni di
esperienze nell'ambito del rifugio, in cui le “emergenze” si sono avvicendate all'ideazione di
esperienze ad hoc e a momenti di riflessione sulle problematicità del processo, si sia effettivamente
venuta a creare una “cultura del rifugio” a livello nazionale, che nella sua ipotetica coerenza interna
risponda in maniera adeguata alle richieste del contesto
Ciclo di dottorato: XXV Ciclo
metadata.dc.subject.classification: TRANSBORDER POLICIES FOR DAILY LIFE-POL.TRANSFRONTALIERE PER LA VITA QUOTIDIANA
Description: 
2012/2013
Keywords: rifugiatioperatoridiritti socialiItalia
Type: Doctoral
Language: it
Settore scientifico-disciplinare: SPS/08 SOCIOLOGIA DEI PROCESSI CULTURALI E COMUNICATIVI
NBN: urn:nbn:it:units-12301
Appears in Collections:Scienze politiche e sociali

Files in This Item:
File Description SizeFormat
PhD_Signorini.pdfTesi Dottorato2.39 MBAdobe PDFThumbnail
View/Open
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s) 5

1,647
checked on Oct 24, 2020

Download(s)

72,261
checked on Oct 24, 2020

Google ScholarTM

Check


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons