Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/10077/10197
Titolo: La Funzione di indirizzo socio-normativo della Giurisprudenza o la funzione di indirizzo socio-propositivo della Giurisprudenza
Autore/i: Bilotta, Bruno M.
Parole chiave: DirittoInterpretazioneGiurisprudenzaGiurisdicenzaAttività socio-normativaAttività socio propositiva
Data: 2014
Editore: EUT Edizioni Università di Trieste
Citazione: Bruno M. Bilotta, "La Funzione di indirizzo socio-normativo della Giurisprudenza o la funzione di indirizzo socio-propositivo della Giurisprudenza", in: "Tigor. Rivista di scienze della comunicazione e di argomentazione giuridica - A. VI (2014) n. 1", pp. 61-69
Numero nella collana: Tigor: rivista di scienze della comunicazione e di argomentazione giuridica - A.V I
(2014) n.1
Abstract: Nel momento in cui i sistemi di civil law di cui il nostro ordinamento è una delle espressioni più tipiche si commistionano a sistemi di common law, tipici di un ambito giuridico e giudiziario di tipo marcatamente anglosassone, inevitabilmente i due sistemi finiscono per acquisire caratteristiche comuni l’uno all’altro, e ciò è ovviamente inevitabile in un mondo in cui gli scambi sono di tipo globale ed anche il diritto è necessariamente di tipo globale, per cui nessuno dei due sistemi (per riferirci esemplificativamente ai due macro sistemi ma potremmo sul punto sottilizzare ancora di più) può operare in un ambito suo esclusivo senza dialogare con l'altro sistema e quindi il frutto del dialogo è anche e soprattutto l'interscambio dei meccanismi che regolano questi sistemi. L’esistenza del diritto giurisprudenziale costringe, come afferma Luigi Lombardi Vallauri, in più modi a modificare e ad abbandonare la concezione dell'ordinamento come costruzione a gradi di stampo kelseniano, almeno nella sua pretesa di fornire un modello globale. Insomma la teoria generale la teoria pura si palesa come una teoria non generale. Anziché una rappresentazione fondata in alto come quella kelseniana, il diritto giurisprudenziale induce ad adottare una rappresentazione fondata in basso e cioè su una concatenazione di osservanze piuttosto che di investiture, su un sistema di obbedienze come afferma Capograssi piuttosto che su un sistema di comandi. Il radicale mutamento che progressivamente subisce il mondo giuridico nel nostro Paese con l'introduzione di elementi sempre più decisi provenienti dall'ambito di common law, conseguenza inevitabile di un mondo che si globalizzata ogni giorno di più e che non conosce ormai più alcun limite geografico neanche nel campo giuridico, fa sì che questa funzione socio normativa o come noi più prudentemente preferiamo qualificarla, sociopropositiva, perché evidentemente l’altro termine può nascondere e di fatto nasconde più d'una insidia, sia una realtà consolidata e imprescindibile.
URI: http://hdl.handle.net/10077/10197
ISSN: 2035-584x
È visualizzato nelle collezioni:12 Tigor. Rivista di scienze della comunicazione e di argomentazione giuridica. A. VI (2014), n. 1 (gennaio-giugno)

File in questo documento:
File Descrizione DimensioniFormato
Bilotta.pdf469.85 kBAdobe PDFMiniatura
Visualizza/apri
Visualizza tutti i metadati del documento


CORE Recommender

Page view(s)

475
Last Week
0
Last month
3
checked on 11-apr-2019

Download(s)

761
checked on 11-apr-2019

Google ScholarTM

Check


Questo documento è distribuito in accordo con Licenza Creative Commons Creative Commons