Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/10236
Title: Il patriarcato di Aquileia: l'evoluzione dei poteri locali (1250 - 1420)
Authors: Zacchigna, Michele
Keywords: Evoluzione dei poteri localiPatriarcato di Aquileia
Issue Date: 2004
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Source: Michele Zacchigna, "Il patriarcato di Aquileia: l'evoluzione dei poteri locali (1250 - 1420)", in: "Studi in onore di Giovanni Miccoli", 2004, pp. 91-113
Series/Report no.: Collana del Dipartimento di Storia e Storia dell'Arte
3
Abstract: 
Il connotato signorile dell'aristocrazia friulana sembra generalmente risolversi nell'esercizio di alcune attribuzioni giurisdizionali esercitate su scala territoriale assai ridotta. In realtà il ruolo egemonico della nobiltà "castellana" poggiava in prevalenza sull'elemento patrimoniale, fonte, di per sé, di larghe ramificazioni di sapore clientelare presso la popolazione rurale. Non sempre, per altro, vi fu stretta convergenza territoriale fra diritti di giustizia e patrimonio fondiario; in molti casi quest'ultimo si configurava secondo zone di insistenza che esorbitavano decisamente dai luoghi di radicamento militare e "signorile" . Bertrando respinse l'idea di legittimare senz'altro un disegno distributivo delle influenze inteso nel senso della acquisizione definitiva. Né riteneva si dovesse trattare con la componente aristocratica senza l'intervento di un momento istituzionale in grado di limitarne l'autonomia e di controllarne i comportamenti. Sulla scia degli orientamenti che avevano guidato la politica torriana Bertrando continuò a considerare l'emergenza udinese e la tradizione di servizio dei Savorgnano come un nucleo di potere di straordinaria incidenza per coordinare in senso centralistico il disegno dei poteri locali. Nella ricerca di soluzioni orientate ad incrementare il peso del potere patriarchino nella società friulana, il patriarca privilegiava di norma il momento alto e risolutivo della risorsa politico-militare piuttosto che la progressiva costruzione di una rete di aderenze larga e capillare, ma variamente frammista
al sistema delle influenze aristocratiche. Per l'impostazione di fondo, l'intervento bertrandiano doveva scontare, d'altra parte, tutti i rischi connessi ad una destabilizzazione radicale delle gerarchie
di potere - tanto fra i nobiles quanto fra le comunitates - e l'eventualità di una frattura "critica" con lo schieramento avverso.
Type: Article
URI: http://hdl.handle.net/10077/10236
Appears in Collections:Studi in onore di Giovanni Miccoli

Files in This Item:
File Description SizeFormat
Zacchigna.pdf1.07 MBAdobe PDFThumbnail
View/Open
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s)

450
checked on Jul 15, 2019

Download(s)

936
checked on Jul 15, 2019

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.