Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/10371
Title: Strumenti per una cartografia ‘attiva’: il balloon mapping. Limiti e potenzialità in un progetto di ricerca a Trieste
Tools for an active cartography: the balloon mapping. First results in a research at Trieste (North-Eastern of Italy)
Authors: Mauro, Giovanni
Keywords: Balloon MappingMap KnitterMap AnalystTriesteCartografiaGISCartographyRemote sensing
Issue Date: 15-Oct-2014
Series/Report no.: Bollettino dell'Associazione Italiana di Cartografia
151
Abstract: La tecnologia Balloon Mapping è una metodologia di fotogrammetria aerea che permette di acquisire immagini remote da pallone aerostatico. In un progetto di ricerca del Dipartimento di Studi Umanistici dell'Università di Trieste si intendono valutare potenzialità e limiti di questa tecnologia in un mercato che vede ormai predominare l'utilizzo degli aeromobili a pilotaggio remoto, più comunemente noti come droni. Filo leggero ad elevata resistenza alla trazione e una comune macchina fotografica digitale dotata di GPS, vincolata con un montante al pallone aerostatico ad elio, sono le semplici componenti del vettore utilizzato per acquisire le immagini. Una volta selezionate quelle con minore distorsione geometrica, le stesse vengono 'georiferite' utilizzando una piattaforma online per la mosaicatura di immagini: 'Map Knitter'. La carta ad elevatissima risoluzione spaziale relativa ad un sito archeologico del Carso triestino è stata successivamente analizzata con il software MapAnalyst per definirne gli'errori interni' (distorsione e rotazione). Costo del gas elio, distorsioni delle immagini, impossibilità di utilizzare il vettore in condizioni di vento minime o in prossimità di elettrodotti sono alcuni dei limiti più rilevanti della tecnologia che, però, apre potenzialità per il monitoraggio in continuo su un periodo di tempo più lungo (ad esempio,una giornata) di spazi geografici come piazze, aree inquinate, siti archeologici lagunari, ecc.
Low-cost aerial imaging techniques, using balloons and kites give us detailed and updated maps, represents a new opportunity in the archeological studies. In a research projectof the Department of Humanistic Studies(University of Trieste),we intend to test its limits and possibilities. The Trieste Karst (north-eastern of Italy) is rich in Bronze Age-Iron hill forts, locally called castellieri. In this paper we analyze a map regarding the castelliere of Monte d'Oro (Caresana, close to the city of Trieste),the first results of this research. Combining in MapKnitter (an open source software created by Public Lab) the high resolution images acquired by a simple plastic balloon (inflated with helium gas), we obtained the map now available on http://mapknitter.org/maps/sito-archeo-caresana. In order to understand its distortion degree, we used MapAnalyst (a software for the accuracy analysis of old maps) that confirms problems in overlapping too much small images. Height too low of the balloon, resulting images too small, cost of the helium and wind conditions represent the main limits of this research, but new opportunities are giving by the potential long time (a day) of the balloon's flight.
Description: Giovanni Mauro "Strumenti per una cartografia ‘attiva’: il balloon mapping. Limiti e potenzialità in un progetto di ricerca a Trieste = Tools for an active cartography: the balloon mapping. First results in a research at Trieste (North-Eastern of Italy)", in: Bollettino dell'Associazione Italiana di Cartografia, 151 (2014), pp.4-16
URI: http://hdl.handle.net/10077/10371
ISSN: 0044-9733
Appears in Collections:Bollettino dell'Associazione Italiana di Cartografia 151

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
AIC_151_Mauro.pdfTesto completo articolo2.42 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record


CORE Recommender

Google ScholarTM

Check


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons