Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/10805
Title: Oltre l’effimero del mondo online: imprese e social media reloading. I nuovi luoghi “cross-mediali” dove competere e attuare strategie
Authors: Suerz, Monica
Keywords: Social MediaComunicazioneCross-MedialitàCollaborative OrganizationCo-Creazione di Valore
Issue Date: 2014
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Source: Monica Suerz, "Oltre l’effimero del mondo online: imprese e social media reloading. I nuovi luoghi “cross-mediali” dove competere e attuare strategie", in Tigor: "Rivista di scienze della comunicazione e di argomentazione giuridica - A. VI (2014) n. 2", p. 22-28
Series/Report no.: Tigor: rivista di scienze della comunicazione e di argomentazione giuridica
A. VI (2014) n. 2
Abstract: 
Le nuove tecnologie stanno cambiando la società e le
imprese. L’innovazione nasce sempre più dalla collaborazione
e dallo sharing, ridefinendo scenari e sfide per
la competitività. L’evoluzione di Internet e l’affermarsi
dei social media sono una nuova, grande opportunità
per creare (e condividere) valore economico . Un’opportunità
reale e non millantata, declinata anche all’insegna
dei doveri e delle responsabilità, emblematica di
una nuova antropologia della nuova società tecnologica.
Una società in grado di esercitare un’influenza
concreta con incisivi condizionamenti sul mondo della
produzione. La simultanea compresenza di ragioni
individualistiche ed altruistiche, di leadership attiva
e di identificazione nonché di fruizione passiva, rende
generalmente inefficienti le value proposition rammentate
dal marketing tradizionale. L’avvento del
paradigma SoLoMo illustra forse meglio di ogni altro
il definitivo declino dello scientific management, riassunto
nel celebre slogan “the right man in the right
place”. Oggi il presupposto organizzativo su cui fondare
metodi e processi di lavoro è del tutto antitetico
a quello fordista secondo cui non è il lavoratore che si muove, ma la catena di montaggio a scorrergli davanti
mentre lui è fermo. Al contrario, ora, il lavoratore è
perpetuamente mobile ed è lo strumento di lavoro a
seguirlo ovunque vada (per cui ogni luogo può diventare
il luogo giusto per lavorare, ergo comunicare). Del
resto gli stessi mercati stanno diventando di fatto (soprattutto)
conversazioni.
URI: http://hdl.handle.net/10077/10805
ISSN: 2035-584x
Appears in Collections:13 Tigor. Rivista di scienze della comunicazione e di argomentazione giuridica. A. VI (2014), n. 2 (luglio-dicembre)

Files in This Item:
File Description SizeFormat
Suerz_TIGOR_XII.pdf88.1 kBAdobe PDFThumbnail
View/Open
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s)

676
checked on Jul 10, 2019

Download(s)

824
checked on Jul 10, 2019

Google ScholarTM

Check


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons