Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/10912
DC FieldValueLanguage
dc.contributor.authorTruccolo, Ivana-
dc.date.accessioned2015-04-01T09:22:40Z-
dc.date.available2015-04-01T09:22:40Z-
dc.date.issued2015-
dc.identifier.citationIvana Truccolo, "Tavola Rotonda I servizi bibliotecari e la valutazione della ricerca: una collaborazione possibile?", in: Orietta Bonora, Daniele Coltellacci, Laura Garbolino, Maria Chiara Piazza, Biagio Paradiso, Anna Perin, Emanuela Secinaro (a cura di), "Ecosistemi per la ricerca Atti Convegno ACNP/NILDE. Trieste, 22-23 maggio 2014", Trieste, EUT Edizioni Università di Trieste, 2015, pp. 87-103.it_IT
dc.identifier.urihttp://hdl.handle.net/10077/10912-
dc.description.abstractOccorre chiedersi quale sia il ruolo delle biblioteche non solo nella valutazione della ricerca, ma anche nella comunicazione scientifica. La tavola rotonda si propone di esplorare il rapporto fra alcuni prodotti tradizionali delle biblioteche quali i cataloghi collettivi, i servizi interbibliotecari e il più generale ambito della ricerca scientifica che propone nuove sfide. In particolare, la valutazione della ricerca, che vede sempre più spesso i bibliotecari coinvolti nel processo di valutazione grazie alle loro specifiche conoscenze e abilità in campo bibliografico e bibliometrico. Miglioramenti sono tuttavia ancora possibili e auspicabili nell’interesse di tutto il processo di ricerca e comunicazione scientifica. I cataloghi collettivi, per esempio, e in particolare del Catalogo Italiano dei Periodici ACNP, potrebbe garantire descrizioni bibliografiche controllate e qualitativamente elevate. Oggi le Anagrafi dei prodotti della ricerca di ateneo sono per la maggior parte scollegati sia dai repertori bibliografici sia dai cataloghi delle biblioteche, obbligando i ricercatori e i docenti a descrivere ex-novo le citazioni di pubblicazioni già ampiamente catalogate dalle loro biblioteche di afferenza. Ancora, i cataloghi collettivi, con le loro innumerevoli informazioni sulle collezioni possedute dalle biblioteche accademiche, potrebbero rappresentare un fonte preziosa per sperimentare nuovi indicatori non bibliometrici per la valutazione e la diffusione della ricerca scientifica presso gli Atenei italiani.In conclusione le biblioteche devono essere inserite a pieno titolo nel ciclo della comunicazione scientifica e non solo nella fase della valutazione. Per farlo, devono conoscere le caratteristiche del lavoro scientifico, che è in continuo sviluppo e usa sempre le tecnologie più avanzate, e sapersi proporre. Le biblioteche hanno a disposizione molte competenze in termini di risorse umane professionali e strumenti da valorizzare, ma anche limiti da superare. Sono necessarie nuove competenze per l’innovazione dei servizi, per renderli adeguati al cambiamento dei metodi di ricerca degli studiosi e per essere di reale supporto alle sfide attuali delle università e dei centri di ricerca.it_IT
dc.language.isoitit_IT
dc.publisherEUT Edizioni Università di Triesteit_IT
dc.subjectCataloghi collettiviit_IT
dc.subjectDescrittori bibliometriciit_IT
dc.subjectValutazione della ricercait_IT
dc.subjectBibliotecheit_IT
dc.subjectComunicazione scientificait_IT
dc.subjectInnovazioneit_IT
dc.subjectNuove competenzeit_IT
dc.titleTavola Rotonda I servizi bibliotecari e la valutazione della ricerca: una collaborazione possibile?it_IT
dc.typeBook chapter-
dc.identifier.eisbn978-88-8303-639-2-
item.fulltextWith Fulltext-
item.languageiso639-1other-
item.grantfulltextopen-
Appears in Collections:Ecosistemi per la ricerca. Atti Convegno ACNP/NILDE Trieste, 22-23 maggio 2014
Files in This Item:
File Description SizeFormat
truccolo.pdftesto109.78 kBAdobe PDFThumbnail
View/Open
Show simple item record


CORE Recommender

Page view(s)

708
checked on Jun 20, 2019

Download(s)

829
checked on Jun 20, 2019

Google ScholarTM

Check


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons