Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/11047
Title: Le fonti del diritto nel mondo tardoantico
Authors: De Giovanni, Lucio
Keywords: Constitutio Antoninianaeditto di CaracallaTeodosio IIGiustinianostoria tardoantica
Issue Date: 2015
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Source: Lucio de Giovanni, "Le fonti del diritto nel mondo tardoantico" in: Lucio Cristante e Tommaso Mazzoli (a cura di), "Il calamo della memoria VI. Riuso di testi e mestiere letterario nella tarda antichità", Trieste, EUT Edizioni Università di Trieste, 2015, pp. 1-12.
Series/Report no.: Polymnia. Studi di Filologia Classica
18
Abstract: 
Il lavoro intende ripercorrere alcune significative tappe della trasformazione del sistema
delle fonti giuridiche romane tra l’età degli Antonini e quella di Giustiniano. Esso
prende le mosse dalla classificazione delle fonti di Gaio e di Pomponio per poi soffermarsi
sulla Constitutio Antoniniana e sugli effetti che l’editto di Caracalla ebbe sull’ordinamento
giuridico del tempo. Particolare rilievo è dato alla storia tardoantica, di cui si
sottolineano alcune caratterizzazioni di grande importanza, in qualche modo correlate:
il definitivo affermarsi, tra le varie forme di constitutiones principis, della lex generalis e
la grande stagione codificatoria che vede impegnati prima Teodosio II, poi Giustiniano.
In particolare il grande imperatore bizantino, nel dare al diritto antico la forma codice,
trasmetterà alle generazioni future il più importante patrimonio di cultura giuridica
espresso dal mondo antico, le cui testimonianze sono vive anche nel nostro tempo.

The article intends to follow some meaningful milestones concerning the transformation
of the legal sources between the age of the Antonines and that one belonged to Justinian. It
starts from the classification of those sources which Gaius and Pomponius chose in their works
to continue by focusing the attention on the Constitutio Antoniniana together with the effects
produced through the so called Caracalla’s edict towards the legal system of that time. A specific
significance is given to Late Antiquity, a period characterized by the coexistence of some factors
of remarkable importance and in a certain way mutually connected: the definitive success of
the lex generalis, among the different forms of constitutiones principis, and the extraordinary
experience of the codification, which saw the strain used by Theodosius II and then by
Justinian. In particular, the great Byzantine emperor, by ascribing to the old law the guise of
a code, would have spread to the future generations the most important legacy of legal culture
never expressed by the ancient world, prosperous of statements still alive during our days.
URI: http://hdl.handle.net/10077/11047
ISBN: 978-88-8303-599-9
eISBN: 978-88-8303-600-2
Appears in Collections:18. Il calamo della memoria. Riuso di testi e mestiere letterario nella tarda antichità. VI

Files in This Item:
File Description SizeFormat
DE_GIOVANNI.pdf149.45 kBAdobe PDFThumbnail
View/Open
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s)

674
Last Week
2
Last month
8
checked on Aug 1, 2019

Download(s)

3,792
checked on Aug 1, 2019

Google ScholarTM

Check

Altmetric


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons