3. La Falena. Leggenda in tre atti di Antonio Smareglia su libretto di Silvio Benco : [1] Collection home page

Browse
Collection's Items (Sorted by Submit Date in Descending order): 1 to 1 of 1
Issue DateTitleAuthor(s)
2015La Falena. Leggenda in tre atti di Antonio Smareglia su libretto di Silvio BencoElia, Enrico
Collection's Items (Sorted by Submit Date in Descending order): 1 to 1 of 1
Subscribe to this collection to receive daily e-mail notification of new additions RSS Feed RSS Feed RSS Feed

Nato a Trieste nel 1891, morto sul fronte isontino nel 1915, poco dopo l’entrata in guerra dell’Italia e il suo arruolamento nell’esercito italiano, Enrico Elia ha lasciato pochi scritti raccolti dalla sorella e pubblicati la prima volta da Umberto Saba sùbito dopo la fine del conflitto. Scritti che testimoniano le inquietudini e le curiosità di questo personaggio emblematico della cultura triestina di quegli anni. Formatosi nelle università di Vienna e di Firenze, dove preparava la tesi quando interruppe gli studi per arruolarsi, Elia fu ammiratore della cultura nordica, della letteratura e del teatro naturalistici, dell’opera di Verga e della grande letteratura russa dell’Ottocento. Autodidatta, si formò anche una cultura musicale, scrisse novelle considerate da Giorgio Voghera come prove «promettenti», pagine saggistiche, un dramma musicale; armonizzò alcuni Canti popolari della Svezia, della Scozia e della Finlandia e compose un Lento di una sonata incompiuta per flauto e pianoforte. Si pubblica qui il testo di Elia dedicato alla Falena di Antonio Smareglia su libretto di Silvio Benco. Si tratta di una tesina sottoposta all’attenzione di Guido Mazzoni, professore di Letteratura italiana nell’Istituto di Studi Superiori di Firenze: una testimonianza singolare delle curiosità culturali e del gusto musicale di Elia, polemico verso il dannunzianesimo, critico verso il libretto di Benco (del quale peraltro apprezzava la qualità di altri scritti), ammiratore dell’originalità di Smareglia nel panorama musicale contemporaneo italiano ed europeo. In appendice, il Lento per flauto e pianoforte. Piero Gobetti considerò Elia una figura «eccezionale», «uno dei più originali» fra «i giovani triestini che si avvicinarono prima della guerra alla letteratura italiana».

Elvio Guagnini professore emerito di Letteratura Italiana all’Università di Trieste, è condirettore di “Aghios. Quaderni di Studi Sveviani”. Tra i suoi libri più recenti sono Viaggi d’inchiostro. Note su viaggi e letteratura in Italia (2000), Minerva nel regno di Mercurio (2 voll., 2001-2002), Una città d’autore. Trieste attraverso gli scrittori (2009), Il viaggio, lo sguardo, la scrittura(2010). Diversi suoi interventi in riviste, in volumi miscellanei e prefazioni riguardano la letteratura italiana di viaggio, il rapporto tra letteratura e scienza nel Settecento italiano, la letteratura di frontiera, la questione del “giallo” italiano e dei generi del mistero. Nel 2010 ha pubblicato il profilo complessivo Dal giallo al noir e oltre. Declinazioni del poliziesco italiano. Alcuni suoi saggi recenti riguardano l’opera di Carlo Collodi, Antonio Stoppani, Edmondo De Amicis, Boris Pahor, Alojz Rebula, Francesco Burdin, il romanzo militare.

Gianni Gori Scrittore e critico musicale (per oltre 25 anni critico del quotidiano “Il Piccolo”) è autore di innumerevoli lavori per il teatro, la radio e la televisione. Per l’editrice “La Finestra” di Trento dirige la collana delle opere di Silvio Benco. Ha insegnato Storia della musica all’Università di Trieste e successivamente (dopo un lungo periodo come direttore di produzione del Teatro Verdi di Trieste) “organizzazione dello spettacolo” all’Università di Udine. Rilevante il suo impegno nella saggistica e come direttore artistico di festival e di varie iniziative culturali di spettacolo.