Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/11292
Title: L’intermodalità a supporto della riduzione dell’impatto ambientale dei trasporti: il caso dell’interporto quadrante Europa di Verona
Authors: Chimenti, Matteo
Dal Dosso, Michele
Keywords: interportogatewayintermodalitàimpatto ambientale
Issue Date: 2015
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Source: Matteo Chimenti, Michele Dal Dosso (2015) L’intermodalità a supporto della riduzione dell’impatto ambientale dei trasporti: il caso dell’interporto quadrante Europa di Verona, Rivista di Economia e Politica dei Trasporti, n. 2, art.4.
Series/Report no.: Rivista di Economia e Politica dei Trasporti
2
Abstract: Il presente paper si pone l’obiettivo di analizzare l’impatto delle “esternalità” dei trasporti sull’ambiente e sulla società. Nello specifico l’analisi verterà sul sistema interportuale italiano, quale strumento strategico per incrementare la mobilità sostenibile del futuro. Lo studio si concentrerà dapprima su di una panoramica del disegno dell’interportualità italiana per poi focalizzarsi sull’Interporto Quadrante Europa di Verona, che diverrà il case study del presente paper. Tale struttura infatti rappresenta la massima espressione del sistema intermodale europeo, costituendo un efficace esempio da promuovere a livello nazionale ed internazionale. L’interporto veronese presenta ampi margini di crescita, sia in termini di traffico che di spazi disponibili, apprestandosi a divenire il principale gateway per i porti italiani verso i mercati del nord Europa. L’integrazione tra infrastrutture logistiche marittime e terrestri è da anni uno dei principali obiettivi dei legislatori a livello nazionale e comunitario, in quanto consentirebbe di incrementare l’efficienza dell’intera supply chain globale. La mobilità delle merci è causa di differenti tipologie di costi che ricadono sui diversi attori coinvolti: Amministrazioni Pubbliche, aziende di trasporto, utenti e collettività. Da questo punto di vista, i costi del sistema dei trasporti possono essere suddivisi in tre tipologie principali: - costi di produzione del servizio; - costi di uso del servizio; - costi esterni marginali. I costi esterni marginali sono prodotti dall’esercizio e dall’uso dei sistemi di trasporto, ricadendo sulla collettività nel suo complesso, incluso anche chi non utilizza tali sistemi. Attraverso un’analisi dettagliata dell’infrastruttura veronese ci si propone di studiarne le tipicità e le caratteristiche che le permettono di abbattere in misura significativa le “esternalità” elencate in precedenza. Gli autori si prefiggono inoltre di fornire uno spunto sulle strategie da adottare in futuro per promuovere appieno l’intermodalità ed i vantaggi che da essa derivano sia in termini economici che soprattutto dal punto di vista ambientale.Il presente paper si pone l’obiettivo di analizzare l’impatto delle “esternalità” dei trasporti sull’ambiente e sulla società. Nello specifico l’analisi verterà sul sistema interportuale italiano, quale strumento strategico per incrementare la mobilità sostenibile del futuro. Lo studio si concentrerà dapprima su di una panoramica del disegno dell’interportualità italiana per poi focalizzarsi sull’Interporto Quadrante Europa di Verona, che diverrà il case study del presente paper. Tale struttura infatti rappresenta la massima espressione del sistema intermodale europeo, costituendo un efficace esempio da promuovere a livello nazionale ed internazionale. L’interporto veronese presenta ampi margini di crescita, sia in termini di traffico che di spazi disponibili, apprestandosi a divenire il principale gateway per i porti italiani verso i mercati del nord Europa. L’integrazione tra infrastrutture logistiche marittime e terrestri è da anni uno dei principali obiettivi dei legislatori a livello nazionale e comunitario, in quanto consentirebbe di incrementare l’efficienza dell’intera supply chain globale. La mobilità delle merci è causa di differenti tipologie di costi che ricadono sui diversi attori coinvolti: Amministrazioni Pubbliche, aziende di trasporto, utenti e collettività. Da questo punto di vista, i costi del sistema dei trasporti possono essere suddivisi in tre tipologie principali: - costi di produzione del servizio; - costi di uso del servizio; - costi esterni marginali. I costi esterni marginali sono prodotti dall’esercizio e dall’uso dei sistemi di trasporto, ricadendo sulla collettività nel suo complesso, incluso anche chi non utilizza tali sistemi. Attraverso un’analisi dettagliata dell’infrastruttura veronese ci si propone di studiarne le tipicità e le caratteristiche che le permettono di abbattere in misura significativa le “esternalità” elencate in precedenza. Gli autori si prefiggono inoltre di fornire uno spunto sulle strategie da adottare in futuro per promuovere appieno l’intermodalità ed i vantaggi che da essa derivano sia in termini economici che soprattutto dal punto di vista ambientale.
URI: http://hdl.handle.net/10077/11292
ISSN: 2282-6599
Appears in Collections:Rivista di economia e politica dei trasporti (REPoT) (2015) 2

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
REPoT_2015(2)-4_Chimenti-Dal Dosso.pdf1.15 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s)

587
checked on Feb 19, 2018

Download(s)

879
checked on Feb 19, 2018

Google ScholarTM

Check


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.