Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/11450
DC FieldValueLanguage
dc.contributor.advisorNICOLICH, RINALDOit_IT
dc.contributor.authorTINIVELLA, UMBERTAit_IT
dc.contributor.otherNICOLICH, RINALDOit_IT
dc.date.accessioned2015-09-14T14:15:59Z-
dc.date.available2015-09-14T14:15:59Z-
dc.date.issued2006-04-07it_IT
dc.identifier.urihttp://thesis2.sba.units.it/store/handle/item/12182it_IT
dc.identifier.urihttp://hdl.handle.net/10077/11450-
dc.description2004/2005it_IT
dc.description.abstractLa tesi della dottoranda Umberta Tinivella ha avuto come obiettivo principale lo studio delle relazioni tra i dati sismici a riflessione e la caratterizzazione delle proprietà petrofisiche delle rocce e dei fluidi intrappolati all'interno dello spazio poroso, con particolare riguardo al regime della pressione dei pori. Per questo motivo, sono state utilizzate metodologie di analisi dei dati non standard, quali l'Amplitude Versus Offset (AVO) e l'analisi dei common image gathers (CIO) per determinare il campo di velocità delle onde P e S. Per quest'ultimo punto, sono state utilizzate migrazioni pre-stack in tempo e in profondità. Inoltre, sono stati considerati modelli teorici per meglio interpretare i risultati ottenuti. Tale procedura è stata applicata a· tre linee sismiche a riflessione, acquisite all'interno del progetto CROP (CROP 18A, 18B e 03) e localizzate in Toscana, per caratterizzare le proprietà delle rocce all'interno del campo geotermico presente nell'area, e in particolare il principale marker dell'area e cioè l'orizzonte K. L'elaborato della candidata si concentra principalmente sulla descrizione delle tecniche non convenzionali utilizzate per la caratterizzazione petrofisica, quali l'AVO, la teoria di Biot che descrive la relazione tra le velocità di propagazione delle onde sismiche P .e S e il regime anomalo della pressione dei pori, e la descrizione dell'anisotropia. Quest'ultimo punto è stato necessario in quanto l'analisi dei campi di velocità delle diverse linee hanno evidenziato una anisotropia nella crosta inferiore. Per quanto riguarda l'AVO, generalmente utilizzato per caratterizzare la fase fluida, è stato eseguito uno studio per meglio rappresentare e interpretare i risultati, cioè le sezioni di riflettività. In particolare, i cross-plot sono stati molto utili per identificare i canali preferenziali di risalita di magmi e fluidi dalla crosta profonda, mentre i rapporti tra le riflettività sono stati utilizzati per meglio interpretare le sezioni sismiche. Inoltre, i risultati AVO sono stati utili per comprendere la natura delle principali riflessioni. Infatti, grazie a questo tipo di analisi è possibile associare le riflessioni o a contrasti litologici o a variazioni nel contenuto di fluidi nei pori. Con il presente studio è stato quindi possibile integrare risultati di analisi diverse dei dati sismici a riflessione, quali le migrazioni, le analisi di velocità, le sezioni con la riflettività, i modelli teorici delle velocità in funzione della pressione dei pori e le analisi sui dati di pozzo. Si è ottenuto un modello finale coerente dell'area investigata all'interno della Provincia Geotermica Toscana. La dottoranda ha partecipato a numerosi incontri e workshops organizzati presso l'Università di Siena da parte del coordinatore e delle unità operative del progetto COFIN2000-Relazione fra struttura della crosta continentale e risorse geotermiche nella Toscana Meridionale ed ha avuto modo di seguire l'acquisizione e il controllo di qualità di rilievi sismici 3D nell'area di Larderello, eseguiti dalla DGS per conto dell'ENEL-Green Power. Parte dei risultati ottenuti sono stati presentati a congressi nazionali e internazionali. Di seguito sono riportati i dettagli degli abstracts del gruppo che ha lavorato su questi argomenti. L'asterisco indica che il lavoro è stato presentato dalla dottoranda.it_IT
dc.language.isoit-
dc.publisherUniversità degli studi di Triesteit_IT
dc.rights.urihttp://creativecommons.org/licenses/by-nc-nd/4.0/it_IT
dc.subject.classificationGEOFISICA APPLICATA E IDRAULICAit_IT
dc.titleL'IMMAGINE SISMICA NELLE STRUTTURE CROSTALI DELLA PROVINCIA GEOTERMICA TOSCANA E LE PROPRIETA' PETROFISICHE DELLE ROCCEit_IT
dc.typeDoctoral Thesis-
dc.subject.miurGEO/11 GEOFISICA APPLICATAit_IT
dc.description.cycleXVIII Cicloit_IT
dc.rights.statementNO EMBARGOit_IT
dc.description.birth1967it_IT
dc.identifier.collocation10077/97it_IT
dc.identifier.inventory34455it_IT
dc.description.noteVersione digitalizzata della tesi di dottorato cartacea.it_IT
item.grantfulltextopen-
item.languageiso639-1other-
item.fulltextWith Fulltext-
Appears in Collections:PREGRESSO
Files in This Item:
File Description SizeFormat
34455.pdf42.18 MBAdobe PDFThumbnail
View/Open
34455_ALL.zip29.02 MBzipView/Open
Show simple item record


CORE Recommender

Page view(s)

396
checked on Jun 9, 2019

Download(s)

527
checked on Jun 9, 2019

Google ScholarTM

Check


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons