Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/11670
DC FieldValueLanguage
dc.contributor.authorMaceratini, Arianna-
dc.date.accessioned2015-09-29T09:09:10Z-
dc.date.available2015-09-29T09:09:10Z-
dc.date.issued2015-
dc.identifier.citationArianna Maceratini, "Bisogno e interesse nella teoria discorsiva di Jürgen Habermas", in: "Tigor. Rivista di scienze della comunicazione e di argomentazione giuridica - A. VII (2015) n. 1", p. 92-102it_IT
dc.identifier.issn2035-584x-
dc.identifier.urihttp://hdl.handle.net/10077/11670-
dc.description.abstractIl confronto tra bisogno e interesse avviene, in Habermas, a partire dalla domanda sulla natura delle motivazioni che sottendono le azioni individuali, distinguendo le norme discorsivamente giustificabili dal potere normativo. La distanza tra diritto e potere normativo si sostanzia nell’irriducibile opposizione concettuale tra la giustificabilità discorsiva della norma giuridica e l’imposizione di leggi tramite la violenza del potere che eleva gli interessi particolari al rango di una generalità solo apparente. Al di là del requisito formale della validità normativa, la legittimità della legalità è ricondotta da Habermas al nesso interno, tra diritto, morale e politica, interpretato come rapporto di complementarietà comunicativa, ovvero, al momento d’indisponibilità che raccoglie il contenuto morale implicito nelle qualità formali del diritto positivo ed è espresso nelle procedure di formulazione normativa, sottratto alla contingenza degli interessi particolari. Problema centrale diviene la distinzione tra l’effettivo consenso dei parlanti - raggiunto nelle condizioni idealizzate di una comunicazione illimitata e libera dal dominio, cioè, nella situazione linguistica ideale che si esplicita nella correttezza procedurale della formazione e dell’espressione della volontà – e lo pseudo-consenso di processi comunicativi piegati ad interessi particolari. In quest’ultimo caso, si affermano il compromesso, come arbitraria negoziazione di posizioni soggettive, e il diffondersi di saperi esperti, scevri dal confronto con i presupposti e con gli esiti della rappresentanza democratica e capaci di inaridire la prassi comunicativa quotidiana.it_IT
dc.language.isoitit_IT
dc.publisherEUT Edizioni Università di Triesteit_IT
dc.relation.ispartofseriesTigor: rivista di scienze della comunicazione e di argomentazione giuridicait_IT
dc.relation.ispartofseriesA. VII (2015) n. 1it_IT
dc.subjectBisognoit_IT
dc.subjectInteresseit_IT
dc.subjectNormait_IT
dc.subjectPotere normativoit_IT
dc.subjectAgire comunicativoit_IT
dc.subjectSituazione linguistica idealeit_IT
dc.subjectConsensoit_IT
dc.subjectAgire strategicoit_IT
dc.subjectSistemi espertiit_IT
dc.subjectCompromessoit_IT
dc.titleBisogno e interesse nella teoria discorsiva di Jürgen Habermasit_IT
dc.typeArticle-
item.openairetypearticle-
item.openairecristypehttp://purl.org/coar/resource_type/c_6501-
item.cerifentitytypePublications-
item.fulltextWith Fulltext-
item.grantfulltextopen-
item.languageiso639-1it-
Appears in Collections:14 Tigor. Rivista di scienze della comunicazione e di argomentazione giuridica. A. VII (2015), n. 1 (gennaio-giugno)
Files in This Item:
File Description SizeFormat
MaceratiniTIGOR_XIII-10.pdf106.22 kBAdobe PDFThumbnail
View/Open
Show simple item record


CORE Recommender

Page view(s) 50

735
checked on Aug 11, 2022

Download(s) 20

1,648
checked on Aug 11, 2022

Google ScholarTM

Check


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons