Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/11816
Title: L’invenzione di Cartesio. La disembodied mind negli studi contemporanei: eredità o mito?
Authors: Ferrini, Cinzia
Keywords: problema mente-corpodualismo cartesianomente disincarnatamens e res cogitansmodelli fisici e matematici per l'unione mente-corpomind-body problemCartesian dualismdisembodied mindmens and res cogitansmathematical and physical models for the mind-body union
Issue Date: 28-Nov-2015
Publisher: EUT Edizioni Unversità di Trieste
Source: Cinzia Ferrini "L’invenzione di Cartesio. La disembodied mind negli studi contemporanei: eredità o mito?", Trieste, EUT Edizioni Università di Trieste, 2015
Pages: 189
Related Event: Tavola rotonda per pubblicazione volume "L’invenzione di Cartesio. La disembodied mind negli studi contemporanei: eredità o mito?", 31-03-2016 
Presentazione volume "L'invenzione di Cartesio. La disembodied mind negli studi contemporanei: eredità o mito?", 22-04-2016 
Abstract: Nel ‘Colloquio con Burman’, Cartesio afferma la legittimità di separare essenza ed esistenza nel pensiero, in quanto possiamo concepire qualcosa senza la sua esistenza in atto (‘sine actuali existentia’), “come una rosa in inverno”. Dalla possibilità di concepire la ‘mens’ come distinta dal corpo, ‘ut rosa in hieme’, la filosofia della mente e la ricerca storico-filosofica contemporanea, a partire dal cognitivismo di tradizione anglo-americana, hanno sviluppato la tendenza ad attribuire a Cartesio l’invenzione storica di una mente autonoma dalla sua corporeità, i cui stati sono individuati unicamente dal loro disincarnato ruolo funzionale. Si è così andata diffondendo un’immagine dell’uomo cartesiano come intrinsecamente duplice ed eterogeneo, risultante da una mente, paragonabile a uno spirito angelico, congiunta alla macchina di un corpo animale. Di contro, un’opposta linea interpretativa rivendica un Cartesio critico del dualismo mente-corpo, sostenendo che l’unione delle due sostanze nell’uomo, la ‘res cogitans’ e la ’res extensa’, costitusce una vera unità psicofisica, date le profonde trasformazioni che essa comporta sia a livello psichico che fisiologico. A partire da questo dibattito, testi più o meno frequentati, anche delle stesse Meditazioni, vengono riesaminati per capire se l’invenzione di una ‘mente disincarnata’ sia effettivamente un lascito del pensiero cartesiano o, per contro, un mito storiografico. Ci siamo chiesti se il dualismo metafisico di sostanza pensante ed estesa sia effettivamente incompatibile con l’unità intrinseca dell’essere umano; se la mente sia direttamente accessibile a se stessa e caratterizzata da processi cognitivi indipendenti da immaginazione e sensibilità e solo accidentalmente connessa a cose al di fuori di essa, o se invece le sia connaturata la comprensione di contenuti empirici e particolari nella dimensione dell’universalità; e infine quale significato abbia, per l’interazione mente-corpo, il ricorso di Cartesio a modelli analogici, algebrici e fisici, sul filo della differenza, spesso ignorata, tra ‘mens’ e ‘res cogitans’.
URI: http://hdl.handle.net/10077/11816
ISBN: 978-88-8303-708-5
eISBN: 978-88-8303-709-2
Appears in Collections:L'invenzione di Cartesio. La disembodied mind negli studi contemporanei: eredità o mito?

Files in This Item:
File Description SizeFormat
Ferrini_Cartesio.pdfFull Text535.82 kBAdobe PDFThumbnail
View/Open
Ferrini_Cartesio_cover_front.jpgCover183.32 kBJPEGThumbnail
View/Open
Cartesio.epubePub430.6 kBEpubView/Open
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s)

2,079
checked on Apr 10, 2019

Download(s)

4,069
checked on Apr 10, 2019

Google ScholarTM

Check


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons