Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/11824
Title: The geography of the European Left from the end of WW II : national homogenization or permanence of the regional political behaviours?
La Geografia della Sinistra Europea dalla fine della Seconda Guerra Mondiale: omogeneizzazione nazionale o permanenza di comportamenti politici regionali?
Authors: Vandermotten, Christian
Keywords: Europageografia elettoraleSinistraprocessi di lungo termineomogeneizzazioneisteresiEuropeelectoral geographylong-term historyhomogenizationhysteresispermanencepersistenzaLeft
Issue Date: 9-Dec-2015
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Source: Christian Vandermotten, "La Geografia della Sinistra Europea dalla fine della Seconda Guerra Mondiale: omogeneizzazione nazionale o permanenza di comportamenti politici regionali? = The geography of the European Left from the end of WW II : national homogenization or permanence of the regional political behaviours?", in: Bollettino dell'Associazione Italiana di Cartografia, 154 (2015), pp. 7-23
Series/Report no.: Bollettino dell'Associazione Italiana di Cartografia
154
Abstract: La geografia delle modalità di voto elettorali europee della Sinistra non possono essere comprese senza considerare le storie politiche nazionali. Gli schemi di distribuzione spaziale dei voti non rappresentano solo riflessi meccanicistici delle attuali strutture regionali. Elementi quali le mediazioni sociali, innervate a livello nazionale e regionale, rappresentano delle determinanti molto forti di questi schemi e spiegano, attraverso complessi meccanismi di persistenza (o isteresi), le relative preferenze, anche quando le strutture di classe e le basi economiche delle regioni, così come le posizioni politiche dei partiti, siano state oggetto di cambiamenti drammatici. Anche se alcune tendenze sembrano andare nella direzione dell’omogeneizzazione delle mappe elettorali a livello nazionale, permangono tuttavia dei contrasti regionali, spesso esplicabili solo attraverso queste determinanti ereditate dal passato.
The geography of the European electoral patterns (here those of the Left) can surely not be understood without taking into consideration the national political histories. The spatial patterns are not at all mechanistic reflections of the present regional class structures. Social mediations, nationally and regionally embedded, are strong determinants of these spatial patterns and explain, through complex hystereses, their relative permanences, even when the class structures and the economic basis of the regions, as well as the political positions of the parties, have known dramatic changes. Even if some trends appear towards more homogenization of the electoral maps at the national levels, regional contrasts remain, often only explainable by these inherited determinants.
URI: http://hdl.handle.net/10077/11824
ISSN: 0044-9733
DOI: 10.13137/2282-472X/11824
Appears in Collections:Bollettino dell'Associazione Italiana di Cartografia 154

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
CH.VANDERMOTTEN.pdf3.88 MBAdobe PDFView/Open
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s)

269
checked on Feb 24, 2018

Download(s)

215
checked on Feb 24, 2018

Google ScholarTM

Check

Altmetric


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons