Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/11899
Title: DALLE CITTÀ-STATO ALLA DOMINAZIONE ROMANA: LA CARTOGRAFIA ANTICA COME STRUMENTO DI DEFINIZIONE TERRITORIALE
FROM THE CITY-STATES TO THE ROMAN DOMINATION: ANCIENT CARTOGRAPHY AS A MEDIUM FOR TERRITORY-DEFINEMENT
Authors: Cigaina, Lorenzo
Issue Date: 2011
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Source: Lorenzo Cigaina, "DALLE CITTÀ-STATO ALLA DOMINAZIONE ROMANA: LA CARTOGRAFIA ANTICA COME STRUMENTO DI DEFINIZIONE TERRITORIALE" = FROM THE CITY-STATES TO THE ROMAN DOMINATION: ANCIENT CARTOGRAPHY AS A MEDIUM FOR TERRITORY-DEFINEMENT", in: Bollettino dell'Associazione Italiana di Cartografia - supplemento, 143 (2011), Trieste, EUT Edizioni Università di Trieste, 2011, pp. 325-339
Series/Report no.: Bollettino dell'Associazione Italiana di Cartografia
143
Abstract: 
Gli itinerari dipinti antichi (itineraria picta) sono carte topologiche, che forniscono informazioni
soprattutto sui percorsi e sui punti di riferimento utili al viaggiatore: la registrazione
dei confini è solo occasionale e non accurata. Nelle carte geografiche dell’ecumene
o di regioni estese, i confini vengono delineati secondo due criteri fondamentali: l’omogeneità
etnica del territorio e i suoi confini naturali (fiumi, linee di costa, montagne, ecc.).
Il processo di astrazione di questo metodo può talvolta entrare in contraddizione con la
realtà geografica. A livello delle singole città-stato manca una cartografia apposita: il territorio
della polis è uno spazio vissuto dai suoi cittadini, che hanno con esso un rapporto
diretto, non mediato da strumenti cartografici. Ci sono testimonianze e indizi, invece, di
una cartografia catastale, che registra i confini degli appezzamenti di terreno e li rappresenta
in quadri d’insieme. Con l’Impero romano la cartografia – sia a piccola scala per
l’ecumene, sia a grande scala per singole colonie romane – viene usata in modo capillare
ed acquista valore di documento, senza tuttavia perdere la complementarità necessaria
con la documentazione scritta. Le carte diventano uno strumento del governo centrale
per conoscere l’estensione e i confini (patrimoniali, amministrativi, politici, geografici) di
vasti territori.

Ancient illustrated itineraries (itineraria picta) are topological maps, which provide
mainly information on routes and useful landmarks for travellers: the record of boundaries
is only occasional and imprecise. In geographical maps of the inhabited world
or of wide regions, the boundaries are delineated following two main criteria: ethnic
homogeneity und natural boundaries (rivers, coastlines, mountains, etc.). The abstraction
process of this method can sometimes lead to contradictions with the geographical
data of reality. At the level of each city-state (polis) there is no evidence for a specially
provided cartography: the territory surrounding a polis is a space lived by its citizens,
who entertain with it a direct relation, that is without cartographical media. However,
there exist some documents and clues for cadastral cartography, which outlines the boundaries of ground-plots and gathers them in overall maps of the agrarian territory.
At the outset of the Roman Empire, cartography – both the one at small scale for the
whole world and the one at big scale for individual Roman colonies – gets diffusely
used and gains documentary value, yet not losing its necessary link with written documentation.
Maps become an instrument of the central government to know the size
and the boundaries (of property, administrative, political or geographical sort) of vast
territories.
Type: Article
URI: http://hdl.handle.net/10077/11899
ISSN: 2282-472X
Appears in Collections:Bollettino dell'Associazione Italiana di Cartografia 143

Files in This Item:
File Description SizeFormat
cigaina.pdf5.22 MBAdobe PDFThumbnail
View/Open
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s) 50

598
checked on Jan 29, 2023

Download(s) 20

1,720
checked on Jan 29, 2023

Google ScholarTM

Check


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons