Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/11928
DC FieldValueLanguage
dc.contributor.authorTanzarella, Anna-
dc.date.accessioned2016-01-13T14:00:03Z-
dc.date.available2016-01-13T14:00:03Z-
dc.date.issued2010-
dc.identifier.citationAnna Tanzanella, "RISCONTRI CARTOGRAFICI DI CONTROVERSIE GIURISDIZIONALI LUNGO IL LIMES ITALO-AUSTRIACO TRENTINO: DALLO SPAZIO CONTESO ALLO SPAZIO PROGETTATO = CARTOGRAPHICAL ELEMENTS OF LIMINAL DISPUTES ON THE ITALIAN-AUSTRIAN BORDERS IN TRENTINO: FROM CONTESTED SPACE TO PLANNED SPACE", in: Bollettino dell'Associazione Italiana di Cartografia 139-140 (2010), Trieste, EUT Edizioni Università di Trieste, 2010, pp. 25-38it_IT
dc.identifier.issn2282-472X-
dc.identifier.urihttp://hdl.handle.net/10077/11928-
dc.description.abstractIl contributo propone alcune riflessioni sul concetto di confine e sul rapporto fra confini e rappresentazione cartografica con riferimento al territorio trentino. Nello specifico, l’analisi si sviluppa nello studio di testimonianze cartografiche che, dal XVII al XX secolo, hanno accompagnato le controversie confinarie fra due comunità divise da un “limes” politico, dapprima imperiale (Tirolo-Serenissima Repubblica di Venezia), in seguito internazionale (Tirolo-Italia), oggi amministrativo (Trentino-Veneto). La secolare “causa Lastarolli”, protrattasi per quasi ottocento anni, ha lasciato, di fatto, fonti documentali e cartografiche che permettono di ricostruire le sentenze, gli appelli e i trattati internazionali prodotti per la determinazione dei confini fra il comune di Folgaria (TN) e il comune di Lastebasse (VI). Questa intricata vicenda giudiziaria non si è placata nemmeno con l’annessione del Trentino al Regno d’Italia, alimentandosi spesso di contraddizioni e lungaggini burocratiche che hanno sviluppato gli interessi geo-politici e geo-economici di diversi attori territoriali. È nel 2008 che la causa trova la sua conclusione formale, con un compromesso costoso quanto discutibile. Il percorso metodologico suggerito prevede di ricostruire la trama di quei conflitti, attraverso l’utilizzo congiunto di fonti documentali e cartografiche storiche. Si tenterà, in tal modo, di esaminare da un lato le modalità di rappresentazione cartografica e simbolica dei segni del confine, dall’altro di comprendere il mutamento di sen - so che, alle diverse scale territoriali e nel corso del tempo, quel confine è andato assumendo, fino a rappresentare oggi un discusso spazio di progettualità nell’ottica di uno sviluppo turistico-economico. Il confine, dunque, mantiene la propria centralità storico-geografica, ma viene veicolato in un preciso disegno politico-istituzionale che determina le relazioni fra nuovi attori territoriali.it_IT
dc.description.abstractThe work aims to reflect about border concept and analyze relations between borders and cartography referring to Trentino area. In specific case, the paper develops the study of some representations (from XVII to XX century) that have characterized legal disputes between two communities separated by a political boundary, in the past imperial boundary (Tyrol and Venice Republique), then international one (Tyrol and Italy), today administrative boundary (Trentino-Veneto). The famous “causa Lastarolli”, lasted for almost eight hundred years, presents historical maps and documents that deal with sentences and international treaties for definition boundaries between communities of Folgaria (Tn) and Lastebasse (Vi). This complicated legal dispute is continued with annexation of Trentino to Italy and has produced geo-politics and geo-economic interests from different territorial actors. In the 2008 the case was formally concluded with an expensive and debatable submission. The methodological approach aims to piece together conflict plotlines, through historical maps and documents. The purpose consists to analyze from one side symbolical aspects of cartographic representations (border signs), on the other side to understand changing meaning of border on the time and at different territorial scales. Today, this border represents a debatable planning space in the meaning of a touristic and economic development. Border keeps its historical-geographical importance, but it is carried out to a specific political institutional drawing that determines relations among new territorial actors.it_IT
dc.language.isoitit_IT
dc.publisherEUT Edizioni Università di Triesteit_IT
dc.relation.ispartofseriesBollettino dell'Associazione Italiana di Cartografiait_IT
dc.relation.ispartofseries139-140it_IT
dc.titleRISCONTRI CARTOGRAFICI DI CONTROVERSIE GIURISDIZIONALI LUNGO IL LIMES ITALO-AUSTRIACO TRENTINO: DALLO SPAZIO CONTESO ALLO SPAZIO PROGETTATOit_IT
dc.titleCARTOGRAPHICAL ELEMENTS OF LIMINAL DISPUTES ON THE ITALIAN-AUSTRIAN BORDERS IN TRENTINO: FROM CONTESTED SPACE TO PLANNED SPACEit_IT
dc.typeArticle-
item.openairetypearticle-
item.openairecristypehttp://purl.org/coar/resource_type/c_6501-
item.cerifentitytypePublications-
item.fulltextWith Fulltext-
item.grantfulltextopen-
item.languageiso639-1it-
Appears in Collections:Bollettino dell'Associazione Italiana di Cartografia 139-140
Files in This Item:
File Description SizeFormat
Tanzanella.pdf804.21 kBAdobe PDFThumbnail
View/Open
Show simple item record


CORE Recommender

Page view(s) 50

403
checked on Aug 15, 2022

Download(s) 50

795
checked on Aug 15, 2022

Google ScholarTM

Check


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons