Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/11988
Title: LA CARTOGRAFIA DEL TERRITORIO VENETO COME PERCEZIONE DEL DOMINIO (SEC. XVI)
CARTOGRAPHY AS PERCEPTION OF VENETIAN DOMINION OF THE SIXTEENTH CENTURY
Authors: Boccazzi Mazza, Barbara
Issue Date: 2010
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Source: Barbara Boccazzi Mazza, "LA CARTOGRAFIA DEL TERRITORIO VENETO COME PERCEZIONE DEL DOMINIO (SEC. XVI) = CARTOGRAPHY AS PERCEPTION OF VENETIAN DOMINION OF THE SIXTEENTH CENTURY", in: Bollettino dell'Associazione Italiana di Cartografia 139-140 (2010), Trieste, EUT Edizioni Università di Trieste, 2010, pp. 225-239
Series/Report no.: Bollettino dell'Associazione Italiana di Cartografia
139-140
Abstract: 
Le “Scritture”, gli “Arricordi”, le “Memorie”, sempre corredati da mappe,sul
territorio, sulle bonifiche, sugli argini, sulla laguna, sul controllo dei corsi dei
fiumi e dei canali, costituiscono una memoria operativa dalla quale non si può
prescindere per la comprensione e la percezione del Dominio della Serenissima
sui territori dello “Stato da Terra” nel secolo XVI. Il monitoraggio cartografico
del territorio nel Cinquecento è da ricondurre al tema più ampio della organizzazione
idrografica dei possedimenti di terraferma.
Dibattito che vede coinvolti Proti e Ingegneri (Alvise Cornaro e Cristoforo Sabbadino
tra gli altri) e che si snoda tra il 1501 (istituzione della Magistratura dei
Savi alle Acque) e il 1599 (taglio del Po a Porto Viro).
Nascono in questo momento valenti generazioni di cartografi al servizio della
Dominante alle cui mappe avrebbero attinto, apportando le opportune modifiche,
i loro successori fino alla fine del Settecento.

The “Arricordi” are written memories providing accurate and refined descriptions
of specific features of Venetian territories, such as embankements, reclaimed lands,
rivers, and shipways.
These documents, often accompanied by detailed maps, offer fundamental insight
into the geo-political aspects of Venetian dominions of the Sixteenth Century.
The spreading of cartographic works arose form the need for an idrographic
organization of the inland.
Type: Article
URI: http://hdl.handle.net/10077/11988
ISSN: 2282-472X
Appears in Collections:Bollettino dell'Associazione Italiana di Cartografia 139-140

Files in This Item:
File Description SizeFormat
Mazza.pdf294.5 kBAdobe PDFThumbnail
View/Open
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s) 50

435
checked on Jan 29, 2023

Download(s) 20

1,346
checked on Jan 29, 2023

Google ScholarTM

Check


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons