Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/12030
Title: DAGLI ACINI D’UVA ALLA RICOSTRUZIONE DEL PAESAGGIO: L’ESEMPIO DELL’ECOMUSEO DELLA COLLINA E DEL VINO DI CASTELLO DI SERRAVALLE (BOLOGNA)
FROM GRAPES TO LANDSCAPE RECONSTRUCTION: THE EXAMPLE OF ECOMUSEUM OF HILL AND WINE, CASTELLO DI SERRAVALLE, BOLOGNA, ITALY
Authors: Badiali, Federica
Issue Date: 2009
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Source: Federica Badiali, "DAGLI ACINI D’UVA ALLA RICOSTRUZIONE DEL PAESAGGIO: L’ESEMPIO DELL’ECOMUSEO DELLA COLLINA E DEL VINO DI CASTELLO DI SERRAVALLE (BOLOGNA) = FROM GRAPES TO LANDSCAPE RECONSTRUCTION: THE EXAMPLE OF ECOMUSEUM OF HILL AND WINE, CASTELLO DI SERRAVALLE, BOLOGNA, ITALY", in: Bollettino dell'Associazione Italiana di Cartografia 136-137 (2009), Trieste, EUT Edizioni Università di Trieste, 2009, pp. 81-92
Series/Report no.: Bollettino dell'Associazione Italiana di Cartografia
136-137
Abstract: 
Un territorio marginale come quello di Castello di Serravalle (Bologna) può offrire moltissime informazioni
sull’evoluzione del rapporto tra uomo e ambiente, affiancando e integrando ricostruzioni
geomorfologiche, dati archeologici e fonti storiche scritte. Per questo studio è necessario un innovativo
tipo di approccio, profondamente multidisciplinare, che prevede l’utilizzo di competenze
diversificate e lo studio di fonti eterogenee per tipologia e ambito. Particolare attenzione è dedicata
all’integrazione tra dati gromorfologici ed archeologici, soprattutto alle analisi archeobotaniche dei
reperti provenienti dal sito romano di Mercatello. Inoltre i risultati della ricerca potranno essere
valorizzati e divulgati con un adeguato allestimento museale, come nel caso dell’Ecomuseo della
Collina e del Vino, che permetterà di svolgere attività didattiche per una maggiore consapevolezza
del patrimonio naturale e culturale dei residenti.

Marginal areas as Castello di Serravalle (Bologna, Italy) offer us numerous information about the evolution
of men -environment relationship, which can complete the geomorphological reconstructions,
the archaeological proofs and the written historical sources. This particular research requires a brand
new approach, strongly multidisciplinary, which plans to use different competences and to study heterogeneous
sources, diverse for fi eld and features. Particular attention will be given to the integration of
geomorphological and archaeological data, first of all to archaeobotanical analyses on materials from
the roman archaeological site of Mercatello. Moreover the results of this research could be improved
and spread through a suitable museum arrangement (Ecomuseum of Hill and Wine), which would let
people improve their local, natural and cultural knowledge, through learning activities.
URI: http://hdl.handle.net/10077/12030
ISSN: 2282-472X
Appears in Collections:Bollettino dell'Associazione Italiana di Cartografia 136-137

Files in This Item:
File Description SizeFormat
Badiali.pdf402.02 kBAdobe PDFThumbnail
View/Open
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s)

450
checked on Jul 8, 2019

Download(s)

308
checked on Jul 8, 2019

Google ScholarTM

Check


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons