Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/12095
Title: RICOSTITUZIONE SULLA BASE DEI DATI CARTOGRAFICI DEI PAESAGGI SUBCARPATICI TRA L’OLT E IL TOPOLOG (ROMANIA) NEI SECOLI XVIII-XX, CON SPECIALE RIGUARDO AL PAESAGGIO VITICOLO
RECONSTITUTION BY CARTOGRAPHIC DATA OF THE SUBCARPATHIAN LANDSCAPES BETWEEN THE OLT AND THE TOPOLOG RIVER (ROMANIA) IN THE 18TH-20TH CENTURIES, WITH SPECIAL REGARD ON THE VITICULTURAL LANDSCAPE
Authors: Osaci-Costache, Gabriela
Issue Date: 2009
Publisher: EUT Edizioni Università di Trieste
Source: Gabriela Osaci-Costache, "RICOSTITUZIONE SULLA BASE DEI DATI CARTOGRAFICI DEI PAESAGGI SUBCARPATICI TRA L’OLT E IL TOPOLOG (ROMANIA) NEI SECOLI XVIII-XX, CON SPECIALE RIGUARDO AL PAESAGGIO VITICOLO = RECONSTITUTION BY CARTOGRAPHIC DATA OF THE SUBCARPATHIAN LANDSCAPES BETWEEN THE OLT AND THE TOPOLOG RIVER (ROMANIA) IN THE 18TH-20TH CENTURIES, WITH SPECIAL REGARD ON THE VITICULTURAL LANDSCAPE", in: Bollettino dell'Associazione Italiana di Cartografia 136-137 (2009), Trieste, EUT Edizioni Università di Trieste, 2009, pp. 211-222
Series/Report no.: Bollettino dell'Associazione Italiana di Cartografia
136-137
Abstract: 
Abbiamo identificato i vecchi paesaggi e le loro trasformazioni nello spazio subcarpatico ubicato tra
i fiumi Topolog e Olt, un territorio che ha subito un intenso processo di antropizzazione, applicando
la cartografia retrospettiva tramite la cartografi a tradizionale, con l’aiuto delle carte a grande scala,
stampate tra il Settecento ed il Novecento. La foresta è stata il più dinamico elemento del paesaggio.
La Carta di Specht è stata la prima carta a grande scala che ha rappresentato la ripartizione dei
vigneti. Anche i documenti storici confermano la presenza dei vigneti. Le carte ulteriori sono una
testimonianza del continuo decremento dell’area occupata dal paesaggio viticolo, una realtà sostenuta
anche dai dati statistici. Le carte storiche sono importanti documenti toponimici che ci hanno
fornito, tramite i nomi locali, preziose informazioni sul paesaggio del passato.

We have identified the old landscapes and their transformation, in the Subcarpathian space between
the Topolog and the Olt Rivers, a territory which suffered an intense process of anthropization, by
applying the retrospective cartography (through the traditional cartography), making use of the
large scale maps of the 18th-20th centuries. Forest was the most dynamic element of the landscape.
Specht’s Map was the first large scale map that depicted the vineyards distribution. Historical documents
confirm the vineyards existence as well. Later maps are an evidence of the diminished space
occupied by the viticulture landscape, as sustained by the scientific data as well. The old maps are
important toponymical documents which supplied us, through toponyms, precious information on
the old landscapes.
URI: http://hdl.handle.net/10077/12095
ISSN: 2282-472X
Appears in Collections:Bollettino dell'Associazione Italiana di Cartografia 136-137

Files in This Item:
File Description SizeFormat
Osaci Costache.pdf983.25 kBAdobe PDFThumbnail
View/Open
Show full item record


CORE Recommender

Page view(s)

315
checked on May 27, 2019

Download(s)

434
checked on May 27, 2019

Google ScholarTM

Check


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons