Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/10077/12372
DC FieldValueLanguage
dc.contributor.authorBrambilla, Chiara-
dc.date.accessioned2016-03-30T08:34:44Z-
dc.date.available2016-03-30T08:34:44Z-
dc.date.issued2016-03-30-
dc.identifier.citationChiara Brambilla, "CONFINI, CARTOGRAFIA E IDENTITÀ: L'ESEMPIO DELLA FRONTIERA COLONIALE TRA GHANA E TOGO", in: Bollettino dell'Associazione Italiana di Cartografia 123-124-125 (2005), Trieste, EUT Edizioni Università di Trieste, 2005, pp. 285-296it_IT
dc.identifier.issn00449733-
dc.identifier.urihttp://hdl.handle.net/10077/12372-
dc.description.abstractLa cartografia, adottata storicamente nel processo di fissazione delle frontiere, oltre a legittimarne il ruolo politico, ha funzionato quale strumento privilegiato di comunicazione occidentale veicolante una certa visione del mondo. Quest'ultima, anch'essa di stampo occidentale, ha escluso la visione delle popolazioni che abitavano i luoghi cartografati, la quale è stata viceversa annullata o investita di attribuzioni indebite. In questa prospettiva, adottando le nuove teorie semiotiche, si tenta di mostrare come la carta sia un vero e proprio operatore simbolico, in grado di imporre una precisa e definita idea di frontiera. Allo stesso tempo, viene evidenziato il ruolo giocato dal confine nel far emergere nuove consapevolezze di appartenenza identitaria da parte delle popolazioni africane. Ciò è stato esemplificato Seguendo le rappresentazioni cartografiche della frontiera tra Ghana e Togo.it_IT
dc.description.abstractBoundary cartography – historically used within the process of boundaries fixation - in addition to legitimating their political role, has functioned as privileged tool of Occidental communication, transmitting a precise idea of the world. This latter, which is also inspired by an Occidental logic, has excluded African reality to which Western values are illegitimately superimposed. in this perspective, according to some new semiotic theories, we try to demonstrate that the map is a real symbolic operator able to communicate a precise and definite idea of boundary. Meanwhile, it is underlined the role played by the frontier in the emerging of new awareness of share identities among African populations. In this regard, the essay considers the example of the boundary between Ghana and Togo,it_IT
dc.language.isoitit_IT
dc.publisherEUT Edizioni Università di Triesteit_IT
dc.relation.ispartofseriesBollettino dell'Associazione Italiana di Cartografiait_IT
dc.relation.ispartofseries123-124-125it_IT
dc.titleCONFINI, CARTOGRAFIA E IDENTITÀ: L'ESEMPIO DELLA FRONTIERA COLONIALE TRA GHANA E TOGOit_IT
dc.titleBORDERS, CARTHOGRAPHY AND IDENTITY: THE CASE OF THE COLONIAL FRONTIER BETWEEN GHANA AND TOGOit_IT
dc.typeArticle-
item.fulltextWith Fulltext-
item.languageiso639-1it-
item.openairetypearticle-
item.grantfulltextopen-
Appears in Collections:Bollettino dell'Associazione Italiana di Cartografia 123-124-125
Files in This Item:
File Description SizeFormat
Brambilla.pdf563.25 kBAdobe PDFThumbnail
View/Open
Show simple item record


CORE Recommender

Page view(s)

477
checked on Nov 12, 2019

Download(s)

937
checked on Nov 12, 2019

Google ScholarTM

Check


This item is licensed under a Creative Commons License Creative Commons